Venerd́ 07 Agosto02:22:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il Tiro a Segno di Santarcangelo dovrà demolire le strutture sull’ Uso, lo ha deciso il Tar

L’Arpae aveva negato la regolarizzazione per l’occupazione di un’area del demanio idrico

Attualità Santarcangelo di Romagna | 10:21 - 02 Maggio 2020 Tiro a segno (foto di repertorio) Tiro a segno (foto di repertorio).

Il tiro a Segno di Santarcangelo di Romagna dovrà demolire alcune strutture che si trovano sulla sponda del fiume Uso, facenti parte del demanio idrico. La sentenza del TAR Emilia Romagna ha infatti respinto il ricorso della Sezione di Tiro a Segno Nazionale che aveva impugnato l'ordine di demolizione del Comune.
Nel gennaio 2019 l’ Arpae, gestione demanio idrico, aveva infatti predisposto una determina che negava il rilascio  di  concessione a regolarizzazione per l’occupazione di un’area del demanio idrico nel Comune di Santarcangelo sulla sponda sinistra del torrente Uso ad uso dell’impianto di tiro a segno.
Si tratta di TSN Santarcangelo, fondato nel 1964 e l’edificio sorge su un’area di proprietà del Demanio Militare, in origine qui sorgeva il Tiro a segno fondato nel 1882.  Il diniego non riguardava l’area che è di proprietà del Demanio Militare, ma l’area di proprietà del demanio idrico occupazione   avvenuta   successivamente   al   1964   con   vari   interventi  di ampliamento   dell’impianto,   la   maggior   parte   dei   quali   avvenuti  dopo   il   2001 “e non può ritenersi che ogni ulteriore ampliamento realizzato dopo la consegna dell’impianto comporti  una automatica acquisizione delle aree occupate al Demanio Militare”.
Nell’aerea del demanio idrico erano state rilevate alcune difformità edilizie.


In particolare si legge nell’atto di diniego:  non  risulta  dimostrato  il   rispetto  delle  Norme  Tecniche  per  le costruzioni  nelle zone sismiche,   con   criticità   sulla   sicurezza   dei   manufatti  e dilizi,   da   cui   discende   la  diffida all’utilizzo emessa dal Comune di Santarcangelo di R.; risulta violato il R.D. n. 523/1904, con criticità sulla sicurezza idraulica; alcuni interventi edilizi sono stati realizzati in contrasto con le Norme di Piano del P.A.I., con difformità dalle prescrizioni urbanistiche. Si ribadisce che la L.R. n. 7/2004 dispone, al comma 1 dell’art. 15 “ Criteri per   il   rilascio   dei  titoli   concessori ”, che le concessioni per l’utilizzo delle aree del demanio idrico vengano rilasciate “ in conformità agli strument di pianificazione di bacino ”.
Il TSN Santarcangelo era ricorso al Tar per annullare il provvedimento di diniego, ricorso che è stato rigettato, pertanto le strutture realizzate in violazione di legge sul demanio idrico saranno da demolire.