Lunedģ 25 Maggio17:05:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus: associazione Tuttincentro chiede aiuto. "Diteci quando e come possiamo riaprire"

L'associazione assiste anziani e persone con lievi disabilità, mantenendole attive con attività didattiche

Attualità Rimini | 13:53 - 01 Maggio 2020 Foto dalla pagina Facebook dell'associazione di promozione sociale Tuttincentro APS Foto dalla pagina Facebook dell'associazione di promozione sociale Tuttincentro APS.

Rosaria Statella, presidente dell'associazione di promozione sociale Tuttincentro APS con sede a Rimini, in via Santa Chiara 24, chiede indicazioni alle istituzioni sulla riapertura (e sui protocolli da adottare) della struttura, che si occupa di organizzare attività didattiche per mantenere attivi anziani e persone con lievi handicap cognitivi. "Come da dpcm abbiamo interrotto le nostre attività i primi di marzo e ad oggi non abbiamo nessun riscontro da parte di nessuno se e quando, pur con tutti i protocolli che vorranno indicarci per contrastare il contagio, potremmo pensare ad una riapertura anche contingentata all'inizio", racconta la Statella. In questi mesi di "lockdown" sono stati tenuti contatti telefonici e dove è stato possibile sono state inviate schede didattiche ai parenti, da consegnare agli assistiti. Ma oggi non ci sono certezze sul futuro dell'associazione: non ci sono neppure agevolazioni, i costi di gestione, fatture e bollette non si sono fermati. "E ringraziamo i Padri missionari del Preziosissimo Sangue, custodi del Santuario della Misericordia di Santa Chiara, che ci hanno messo a disposizione una struttura senza pagare l'affitto", spiega il presidente dell'associazione, che chiede risposte alle istituzioni e soprattutto al Comune di Rimini: "Stiamo riscontrando un peggioramento fisico e psicologico dei nostri soci, ormai inattivi da troppo tempo che sta vanificando tutto il lavoro da noi svolto e i piccoli traguardi ottenuti".