Lunedý 01 Giugno23:50:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Valmarecchia: 1 maggio, il ricordo di Antonio Molari. Minatore vittima del disastro di Marcinelle

Il giovane novafeltriese perì a 26 anni. Ogni anno viene issata una bandiera sulla rocca di Maioletto

Attualità Novafeltria | 08:07 - 01 Maggio 2020 La Rocca di Maioletto La Rocca di Maioletto.

Anche in Alta Valmarecchia è una giornata dedicata alla riflessione e alla commemorazione delle battaglie operaie combattute a metà del 1800 per la conquista di diritti e sicurezza sul luogo di lavoro. Oggi 1 maggio, festa dei lavoratori, si ricorda anche chi ha perso la vita lavorando. E in Alta Valmarecchia c'è un tradizione, da oltre cinquant'anni: qualcuno scala la rocca di Maioletto, issando una bandiera nel ricordo delle vittime del lavoro. Tra esse, tra i minatori uccisi nella tragedia di Marcinelle, c'è anche Antonio Molari, deceduto a 26 anni l'8 agosto 1956. Lo scorso agosto Novafeltria ricordò Antonio Molari in un partecipato incontro pubblico. Tra i collaboratori all'organizzazione di quella serata ci fu Ginetta Bianchi, che oggi ha voluto esprimere il suo ricordo, di Molari e di tutte le vittime sul lavoro, con queste righe: "A casa mia c'è una finestra che si affaccia sulla Rocca di Maioletto, incorniciandola tutta. Da cinquant'anni, ogni primo di maggio, lassù viene issata una bandiera. E' la rossa bandiera simbolo dei lavoratori. Ogni primo di maggio, da cinquant'anni mi precipito a spalancare quella finestra per cercare l'emozione di quella bandiera, che puntualmente c'è sempre, ancora, e ringraziare in cuor mio lo sconoscuto che nottetempo, anche con le intemperie più impensabili, si inerpica sull'impervia roccia. Insieme ai tanti che come te hanno lasciato la loro vita sul lavoro, Antonio Molari, io qui ti avvolgo in quella bandiera".