Giovedý 22 Ottobre17:32:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini: fabbricato di via Rimembranze diventerà spazio per giovani e anziani

Con area giochi e un'area orti. Il Comune lo assegna tramite istruttoria pubblica

Attualità Rimini | 12:44 - 30 Aprile 2020 La Giunta comunale di Rimini approva il progetto La Giunta comunale di Rimini approva il progetto "Spazio polifunzionale di aggregazione".

La Giunta comunale di Rimini asssegna tramite istruttoria pubblica il fabbricato socio-ricreativo di via Rimembranze 61, "spazio polifunzionale di aggregazione", mettendolo a disposizioni di giovani, anziani e famiglie del quartiere, per favorire incontri e momenti di svago. Ovviamente il tutto in un'ottica post emergenza sanitaria da Covid-19. Il fabbricato è di proprietà del Comune di Rimini ed è inserito in un contesto ampio, che ricomprende anche uno spazio giochi e un'area orti. Il progetto, spiega l'amministrazione comunale di Rimini in una nota, "si propone come costruzione partecipata di uno spazio polifunzionale dinamico di promozione dell'agio dei piu' giovani, di prevenzione del disagio e di sostegno in generale agli interessi della popolazione giovane ed adulta, delle famiglie". 

L'istruttoria pubblica

La normativa prevede che gli Enti locali per affrontare specifici interventi sociali possano indire istruttorie pubbliche per la coprogettazionecoinvolgendo direttamente i soggetti del terzo settore ed altri soggetti senza scopo di lucro, attraverso una istruttoria pubblica. È questa la via individuata dal Comune di Rimini per l'assegnazione dello spazio, a queste condizioni:

il Comune metterà a disposizione l'Immobile facente parte del patrimonio comunale indisponibile destinato agli scopi sociali, per un periodo di cinque anni decorrenti dalla data della concessione, fatta salva la facoltà di concedere un tempo ulteriore e strettamente necessario e funzionale al completamento delle fasi/azioni progettuali condivise;

per la realizzazione dell'idea progettuale coinvolgerà, mediante istruttoria pubblica, i soggetti del terzo settore.

Le valutazioni verteranno sulla qualità della soluzione progettuale presentata; sull'impegno organizzativo del soggetto co-proponente da intendersi come risorse umane,finanziarie e strumentali impiegate per la realizzazione del progetto.

Spiega il vicesindaco Gloria Lisi: «Un progetto di quartiere con un duplice scopo favorire la socializzazione e valorizzare gli spazi pubblici ora inutilizzati. Il progetto si inserisce nel solco di quanto già fatto in passato da questa Amministrazione, riconvertendo spazi pubblici inagibili in luoghi di socializzazione, con il coinvolgimento indispensabile del terzo settore. Approvato il progetto, ora lavoriamo all'istruttoria pubblica per arrivare quanto prima alla sua pubblicazione».