Giovedý 04 Giugno15:16:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Scelte scolastiche e prevenzione dell'abbandono, l'orientamento si fa tutto online

Dal 4 maggio riapre a distanza l'Info point del progetto Scegliere Attivamente per ragazzi e famiglie

Attualità Rimini | 11:53 - 30 Aprile 2020 Scelte scolastiche e prevenzione dell'abbandono, l'orientamento si fa tutto online

Sportello online, webinar e web experiences per favorire l’orientamento e il successo formativo degli studenti e per supportare famiglie, insegnanti ed educatori. Così come le lezioni scolastiche, prosegue a distanza anche il progetto Scegliere Attivamente, promosso dalla Provincia di Rimini e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna tramite il Fse, in collaborazione con Consigliera di Parità, Ufficio scolastico, enti di formazione, Camera di commercio, enti locali, organizzazioni sindacali e di categoria.

Dal 4 maggio l’Info point di Scegliere Attivamente sarà aperto online o via telefono. In modo veloce, gratuito e facile sarà possibile restare connessi con gli orientatori del progetto per avere il loro supporto, ancor più prezioso in questo momento di grandi incertezze e di paure ancora più accentuate circa le opportunità di studio e lavoro. Il servizio sarà attivo online su appuntamento (scrivere a sportello@scegliereattivamente.it per prenotarsi) il martedì dalle 14.30 alle 16.30 e il giovedì dalle 14.30 alle 16.30.
L’Info point intende offrire un aiuto concreto ai ragazzi dai 12 ai 19 anni, i loro genitori, insegnanti e formatori. Grazie ad esso è possibile ricevere informazioni utili sul sistema scolastico, universitario e formativo, sul territorio e le professioni; essere aggiornati sulle opportunità di orientamento e formazione offerte da più soggetti (scuole, imprese, università...); ricevere consulenza sui percorsi personali di studio/formazione.

“L'Info point, al secondo anno di attivazione, è il punto di riferimento a livello provinciale per l'orientamento degli studenti e il contrasto dell'abbandono scolastico – spiega Cinzia Vandi dell'Ufficio scuola della Provincia di Rimini -. Ragazzi e famiglie potranno ottenere informazioni, avere consigli e consulti. Crediamo che ancor più in questo difficile periodo sia estremamente utile fornire loro questo tipo di strumento e assistenza”.

“Lo sportello ha riscontrato un forte interesse da parte sia degli studenti, sia dei loro genitori, coinvolti in prima persona nelle scelte scolastiche e formative – aggiunge Sara Forlivesi, coordinatrice per Enaip del progetto Scegliere Attivamente -. L'obiettivo è aiutarli nel percorso di crescita e nella scelta della scuola per orientarli e prevenire l'abbandono degli studi. Con la chiusura delle scuole e la didattica a distanza ci troviamo ora in una situazione nuova e non sempre semplice, e con l'Info point cercheremo di sostenere giovani e famiglie anche relativamente a questo”.

Il progetto Scegliere Attivamente, arrivato alla seconda annualità, nasce dalla consapevolezza dell’importanza dell’orientamento quale fattore strategico per ridurre la dispersione scolastica e garantire il successo formativo degli studenti e delle studentesse. La Regione Emilia-Romagna, anche attraverso risorse del FSE, ha dato il via ad azioni orientative e di supporto al successo formativo a livello territoriale, realizzando una pluralità di interventi e opportunità per rispondere ai bisogni dei giovani di essere accompagnati nei propri percorsi educativi e formativi. Con la regia della Provincia di Rimini, grazie al concorso di partner istituzionali e del mondo economico/sociale (Ufficio Scolastico, Camera di Commercio, Enti Locali, Organizzazioni sindacali e di categoria) e con la collaborazione della Consigliera di Parità, è stato quindi sottoscritto il Piano triennale di azione territoriale per l’orientamento e il successo formativo. La progettazione coinvolge Enti Locali, Scuole, Enti di formazione e altri attori del territorio (ad es. Università, Tecnopolo...) e si compone di iniziative diversificate, complementari e modulabili, rivolte agli studenti delle scuole secondarie del primo e secondo ciclo ed in generale ai ragazzi dai 12 ai 19 anni, alle loro famiglie, ad insegnanti ed operatori.