Mercoledý 03 Giugno07:11:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

I riminesi ringraziano la Polizia locale per l’impegno profuso in queste difficili settimane 

Il gesto di ringraziamento impresso su un lenzuolo bianco appeso sulla recinzione del comando

Attualità Rimini | 10:09 - 30 Aprile 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

“Grazie a voi che vegliate sempre su di noi”, è la scritta disegnata su un lenzuolo bianco che gli agenti della Polizia locale di Rimini si sono trovati affisso sulla recinzione del comando in via della Gazzella. Un chiaro gesto di solidarietà di qualche riminese che ha riconosciuto il difficile lavoro profuso da tutti gli agenti impegnati in queste settimane di emergenza sanitari.

Una presenza riconosciuta da molti riminesi che in diversi modi hanno mandato messaggi di ringraziamento al comando per far sentire a tutti gli agenti la loro vicinanza e gratitudine per il lavoro che svolgono, lontani dalle proprie famiglie, rischiando in prima persona un contagio.

Segni di gratitudine che si sono susseguiti anche da parte delle aziende, come ad esempio il gesto pubblico della Galvanina, che ha voluto donare a tutti gli uomini e le donne del corpo due bancali contenenti bevande non alcoliche, per ringraziarli dell’importante lavoro in cui sono impegnati. Oppure il dono delle mascherine facciali filtranti tipo “FFP2” da parte della Chiesa Cristiana Evangelica Cinese in Italia agli agenti della Polizia Locale di Rimini. E ancora il disinfettante e le mascherine donate dalla Valpharma, dispositivi di protezione individuali utili ai vigili per continuare a garantire la loro presenza sul territorio in totale sicurezza. 

«Oltre allo striscione che ci siamo trovati attaccato sulla recinzione del comando abbiamo ricevuto tantissime le telefonate e i messaggi di gratitudine che i cittadini, persone che non conosciamo - ricorda Andrea Rossi, comandante della Polizia locale di Rimini - Un impegno difficile, a volte molto difficile, che però la maggioranza dei riminesi vede come misura indispensabile per la propria sicurezza e la propria incolumità. A questi si aggiungono anche altri segni che esprimono il sentimento reale della società civile nei confronti degli agenti che in quarta fase si sono esposti a garanzia della sicurezza di tutti. Gesti di grande solidarietà che ci danno anche lo stimolo ad andare avanti nel nostro lavoro, per mettere in atto e favorire le politiche di contenimento del corona virus, anche nelle fasi che saranno adottate per il prossimo futuro».