Marted́ 02 Giugno01:10:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus: stop pagamento retta scolastica per altre 140 famiglie di Rimini

Esonerati dal pagamento anche chi ha i figli nei nidi per l'infanzia dell'Asp Valloni

Attualità Rimini | 13:17 - 28 Aprile 2020 Altre 140 famiglie saranno esonerate dal pagamento della retta scolastica Altre 140 famiglie saranno esonerate dal pagamento della retta scolastica.

Altre 140 famiglie saranno esonerate dal pagamento della retta scolastica nel periodo di sospensione del servizio dovuta all'emergenza sanitaria da Covid19. Anche le famiglie che hanno iscritto il loro bimbo ai 3 nidi per l'infanzia dell'Asp Valloni - Cerchio magico, Aquilotto e Bruco verde - potranno così usufruire dell'abbattimento della retta mensile defalcando i giorni di sospensione del servizio, dal 23 settembre al 30 giugno.

"Si tratta di una misura straordinaria di diritto allo studio voluta dal Comune di Rimini, all'interno delle iniziative intraprese per il contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da covid-19" rimarca l'amministrazione comunale in una nota. A marzo la Giunta del Comune di Rimini aveva scelto di investire di 300 mila euro, tramite una minore entrata in bilancio, per garantire l'abbattimento totale delle tariffe dei servizi comunali educativi per l'infanzia (nidi e scuole di infanzia) in favore di tutti gli utenti iscritti, limitatamente e proporzionalmente al periodo interessato dalla chiusura.

"Un ulteriore aiuto – scrive in una nota Mattia Morolli, assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini – messo in campo non appena ricevuto il via libera dagli uffici. Ogni giorno ascoltiamo le difficoltà e riceviamo le richieste di aiuto da parte delle scuole e delle famiglie. Questo provvedimento va nella direzione di allargamento ulteriore della platea dei beneficiari dell'abbattimento retta, in un momento di grave difficoltà per tutti noi. Altre 140 famiglie vedranno così azzerarsi un costo già sollevato a quelle iscritte agli asili comunali. Un potenziamento che va nella direzione di un diritto allo studio che non lasci indietro nessuno, sopratutto in momenti critici come questo".