Mercoledý 27 Maggio17:40:05
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

"Vado al cimitero", ma non è vero, inoltre ha la patente scaduta. Scatta la denuncia a Riccione

I controlli della Polizia: ecco chi è stato sanzionato e denunciato

Cronaca Rimini | 11:50 - 26 Aprile 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Intensa attività di controllo della Polizia di Rimini, in occasione del 25 aprile. Non sono mancate sanzioni e denunce: alle 12.40, a Riccione, un 58enne riccionese è stato fermato alla guida della sua automobile in viale D'Annunzio. Ha provato a giustificarsi dicendo di essere uscito per andare al cimitero, poi ha cambiato versione, dicendo di dover fare la spesa. Ma i supermercati ieri erano chiusi, i cimiteri lo sono dall'avvio del "lockdown". Dai controlli sono emersi altri guai per l'uomo: guidava con la patente sospesa ed è stato così denunciato. Un 46enne rumeno è stato invece denunciato per porto di armi od oggetti atti a offendere: fermato per un controllo stradale in via Berlinguer, aveva nel portaoggetti un coltello da cucina con lama da 14 cm. Tra i sanzionati, oltre ai due denunciati, ci sono un 27enne bulgaro e un 57enne catanese, il primo sorpreso a passeggiare sulla battiglia, il secondo a prendere il sole all'altezza di viale Regina Margherita, intorno alle 16.40. Alle 17 in via Porto Palos a Viserbella la Polizia ha "intercettato" un'automobile con a bordo un 20enne di Torre Pedrera e un 18enne. Il primo era uscito per prendere le sigarette, ma vicino casa non aveva trovato un marca di suo gusto; il secondo lo aveva accompagnato. Entrambi sono stati denunciati, come una 33enne fermata sulla Statale 16. La ragazza ha detto di essere uscita per portare al fidanzato, un 35enne ai domiciliari, dieci euro per fare benzina. Una giustificazione che non è servita a evitare la sanzione.