Venerdý 27 Novembre18:46:38
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Yacht club Rimini virtual cup 2020, giovedì 23 aprile la terza tappa per gli sfidanti del videogioco

Si disputerà subito dopo l'iniziativa "Chiacchiere in banchina"

Sport Rimini | 11:08 - 22 Aprile 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Giovedì 23 aprile, dopo “Chiacchiere in banchina” si svolgerà la terza tappa del Yacht Club Rimini Vitual Cup 2020 che sta riscuotendo molto successo tra i soci dello stesso club riminese, gli amici e anche qualche genitore della squadra agonistica.

“Dopo le prime due giornate di gioco sta emergendo che per vincere non basta avere dimestichezza con i videogiochi. La differenza la fa la conoscenza delle tattiche di vela. I vincitori delle gare infatti sono proprio i più esperti di vela”. A raccontare le prime due giornate delle regate online è Alessandro Collinucci, allenatore della squadra agonistica Optimist, istruttore scuola vela YCRN che insieme a Francesco Zimelli stanno organizzando i vari appuntamenti.

Al momento la classifica vede al primo posto Luca Valentino (istruttore YCRN) già campione italiano Optimist, Campione a squadre a Berlino sempre Optimist nel 2013. Al secondo posto Mattia Collinucci, ex regatante nella classe Laser e di vari circuiti altura e al terzo posto Matteo Ivaldi due volte olimpionico nella classe 470.

“Per il mese di aprile il campionato si chiuderà con una classifica interna che varrà per accedere alla Super League. Si tratta di un torneo tra quattro club prestigiosi. Tra questi c’è anche Fraglia Vela Riva di Riva del Garda, uno dei club più antichi e prestigiosi al mondo (fondato da Gabriele D’Annunzio nel 1928) e il Circolo Velico Ravennate – racconta Francesco Zimelli– In attesa di tornare in acqua, sono tanti in Italia e nel mondo i club che si stanno organizzando per fare divertire i propri soci, parenti e amici e mantenere viva la passione per questo meraviglioso sport”.

Nel campionato riminese non mancano ai vertici della classifica nomi di giovani allievi della squadra agonistica, che stanno dimostrando una buona conoscenza della tecnica, come Marco Baroni, Mattia Rocchi ed Enrico Morina, tutti e tre classe 2010.
“Essere nativo digitale per vincere a questo gioco non basta – spiega Alessandro Collinucci – bisogna conoscere la strategia, la tattica e soprattutto le regole”.