Venerd́ 30 Ottobre05:49:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Marino partecipa alla maratona globale per la Giornata Mondiale della Terra

L'iniziativa di Future food institute, centro di ricerca bolognese

Eventi Repubblica San Marino | 08:04 - 22 Aprile 2020 La copertina dell'evento che si terrà oggi a livello mondiale La copertina dell'evento che si terrà oggi a livello mondiale.

Dopo la prima storica Risoluzione promossa da San Marino alle Nazioni Unite per unire la giornata internazionale di consapevolezza sulle Perdite e gli sprechi alimentari ogni 29 settembre, nell’ottica di un impegno di lunga data sullo sviluppo sostenibile e sul ruolo dell’agricoltura nella riduzione della malnutrizione e della fame nel mondo, la Repubblica continua a interessarsi a tali tematiche con profonda attenzione.

In occasione del 50esimo anno della Giornata mondiale della Terra che ricorre il 22 aprile, la Fao E-learning Academy e il Future Food Institute di Bologna hanno organizzato “Food for Earth”, una maratona online di 24 ore che unisce più di 100 esperti da tutto il mondo per discutere e condividere le migliori pratiche sull’alimentazione sostenibile e i principali sistemi per rigenerare il pianeta.
 
La maratona comincerà in Cina, per poi spostarsi a occidente nel corso della giornata, dando la parola a popolazioni indigene, scienziati, policy-makers, giovani, giornalisti, insegnanti, contadini e imprenditori. La Repubblica di San Marino interverrà nella persona dell’Ambasciatore di San Marino a New York, Damiano Beleffi, che prenderà la parola durante il panel sullo spreco alimentare nella sessione 15 alle 19:30. È possibile seguire la maratona in diretta sul sito web del Future Food Insitute, su Youtube o sulla pagina Facebook.

L’iniziativa, sinora la più grande nel suo genere, è volta alla sensibilizzazione in merito al ruolo cruciale dell’alimentazione nelle comunità locali, in quanto “il cibo è cura, famiglia, rituali, linguaggio, energia per la vita e vita stessa”, ponendo particolare enfasi sull’importanza di discutere e adottare nuovi sistemi produttivi per il bene del pianeta e per il futuro dei suoi abitanti.