Marted́ 26 Maggio22:52:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Gadget giramondo: il pallone dell'hotel Alfonsina ripescato tra le Azzorre e Gibilterra

Dopo un primo momento di stupore, la famiglia Gaia Montanari ha deciso di raccontare la storia

Attualità Riccione | 07:47 - 21 Aprile 2020 Jogi con in mano il pallone dell'hotel Alfonsina ritrovato in mezzo all'oceano Jogi con in mano il pallone dell'hotel Alfonsina ritrovato in mezzo all'oceano.

Ha percorso oltre 3 mila chilometri, forse a mollo forse perduto o gettato da qualche imbarcazione. Fatto sta che mai nessuno avrebbe pensato di ripescare un pallone integro nel bel mezzo dell'oceano Atlantico. A trovare il gadget dell'hotel Alfonsina di Riccione il signor Jogi, skipper tedesco in viaggio a bordo di una piccola barca a vela di 10 metri attraverso l'Atlantico, dall'isola di St. Maartin all'Europa. «Dopo la foto ho rimesso la palla in acqua e l'ho lasciata alla deriva. Forse un giorno qualcuno la troverà in Sud America, ai Caraibi o negli Stati Uniti e vi manderà un'altra foto. Buon divertimento!».

Il primo pensiero anche per la famiglia Gaia Montanari è stato quello del potenziale inquinante. «"Oddio, stiamo inquinando!", ma poi abbiamo iniziato a fantasticare su come questo pallone da spiaggia sia potuto arrivare fino all'Atlantico: chissà quale rotta avrà seguito, come avrà fatto a resistere alle intemperie, cosa avrà provato questo uomo a ritrovarlo. Il messaggio di questo nostro "nuovo" amico giramondo ha subito trasformato questo semplice pallone in un messaggio in bottiglia da trasmettere ad altri. Anche noi ci auguriamo che un giorno qualcun altro lo trovi e ci scriva, così come ha fatto Jogi». Che ovviamente sarà ospite gradito dell'hotel riccionese, se mai il vento e le sue rotte lo porteranno sulla riviera.