Venerdý 27 Novembre18:49:58
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus Rimini, positivo scappa più volte dall’ospedale. Accusato anche di "tentata epidemia"

Giovane straniero è stato portato nella cella di sicurezza all'interno dell'ospedale, in attesa del giudizio di convalida

Cronaca Rimini | 14:48 - 20 Aprile 2020 Ingresso dell'ospedale "Infermi" di Rimini Ingresso dell'ospedale "Infermi" di Rimini.

Positivo al coronavirus, un 19enne gambiano, già fuggito dall'ospedale di Lugo il 9 aprile, è stato bloccato dalla polizia di Stato di Rimini che l'ha piantonato in cella di sicurezza fino a quando, venerdì sera, non è stato dichiarato in stato di fermo per tentata epidemia, minaccia a pubblico ufficiale e tentato furto, su ordine della Procura della Repubblica. Il 15 aprile, il 19enne era stato denunciato a piede libero per furto aggravato, perché, dopo aver infranto con un estintore la porta a vetro di un'edicola in stazione, si era impossessato di alcuni dolciumi. Accompagnato all'ospedale Infermi di Rimini perché positivo al Covid-19, il giovane straniero si era subito allontanato. Riaccompagnato più volte dalla polizia di Stato nel reparto Infettivi di Rimini, è fuggito nuovamente dopo aver tentato di sottrarre il cellulare di un altro paziente e aver minacciato medici e infermieri, sputando sugli arredi nei locali dell'ospedale. Rintracciato ancora alla stazione da personale della sezione di Polizia Ferroviaria e ricondotto per l'ennesima volta in ospedale, è stato quindi trattenuto in stato di fermo. Dalle indagini della Squadra Mobile, che ha raccolto le testimonianze del personale sanitario, la Procura ha emesso il provvedimento. Il 19enne gambiano: è stato portato nella cella di sicurezza all'interno dell'ospedale, in attesa del giudizio di convalida.