Venerd́ 30 Ottobre15:12:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nei campi per 50 euro al mese in condizioni inumane, operazione anti-caporalato in Romagna

Coinvolte anche alcune aziende agricole riminesi che avrebbero impiegato i lavoratori sfruttati

Cronaca Rimini | 10:35 - 15 Aprile 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Sono stati denunciati anche imprenditori agricoli di Rimini nell'inchiesta contro il caporalato romagnolo, sventato da un'operazione della squadra mobile di Forlì.  A capo dell'organizzazione criminale quattro pachistani che sfruttavano 45 richiedenti asilo, in gran parte connazionali e afgani, sfruttati nei campi per 50 euro al mese e fino a 80 ore la settimana, poi costretti a vivere in abitazioni di fortuna, senza acqua calda, con poco cibo e materassi gettati a terra. Il Gip di Forlì ha disposto la loro custodia cautelare in carcere. I titolari delle aziende di Rimini ma anche Forlì e Ravenna sono stati denunciati per aver impiegato quegli stessi lavoratori sfruttati, maltrattati, minacciati e sottopagati tra settembre e gennaio di quest'anno. Sembra che anche durante il servizio non potessero andare in bagno né mangiare in ambienti riparati.