Venerd́ 05 Giugno05:22:00
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pestaggi della notte di Ferragosto a Bellaria, arrestati tre dei quattro "Cani sciolti"

All'appello delle forze dell'ordine manca soltanto un moldavo, ancora a piede libero

Cronaca Bellaria Igea Marina | 10:20 - 15 Aprile 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Un 19enne riminese, un 22enne cesenate, un 23enne napoletano sono stati arrestati martedì mattina dai carabinieri della locale stazione per aver costituito assieme a un 21enne moldavo (ancora a piede libero) una gang che la notte di Ferragosto a Bellaria-Igea Marina aveva picchiato senza motivo prima due turisti lombardi e poi due fratelli comaschi di 15 e 18 anni più un amico, soccorsi dalla loro madre dopo aver lanciato grida di aiuto sotto casa. Tutti e tre purtroppo sono finiti al pronto soccorso, con prognosi dai 6 ai 25 giorni.

Si tratta di persone tutte già note alle forze dell'ordine e residenti (o domiciliate) in città. Dovranno rispondere di lesioni personali e rapina in concorso, per il napoletano anche un'imputazione in più visto che era in possesso di 120 grammi di marijuana e 3200 euro in contanti ritenuti proventi dello spaccio. Per i tre dei quattro autori delle aggressioni sono scattati gli arresti domiciliari: il quarto è ancora ricercato.

L'operazione era stata soprannominata "Cani sciolti". Il sindaco Filippo Giorgetti ringrazia chi ha condotto le indagini. L’assessore alla sicurezza Cristiano Mauri si lascia andare a un'ampia riflessione sulla vicenda: «Nell’estate scorsa la nostra città è stata teatro di un episodio grave e antitetico rispetto alla cultura dell’ospitalità e della legalità che da sempre ne contraddistinguono il tessuto sociale. Un plauso all'Arma a nome di tutta la comunità e un ringraziamento particolare al luogotenente Roberto Cabras che guida la stazione di Bellaria e ha concluso le indagini, e al luogotenente Antonio Amato, sotto la cui guida è cominciata l’indagine lo scorso anno».

Bellaria Igea Marina è una città «che tiene e cura la propria sicurezza, sia attraverso azioni preventive sia attraverso il lavoro puntuale e quotidiano, discreto ma non per questo meno efficace, di tutte le forze dell’ordine che operano sul nostro territorio». Anche l’impegno dell’amministrazione nel continuo miglioramento del proprio sistema di video sorveglianza, fiore all’occhiello del nostro corpo di polizia locale, è indirizzato nella stessa ottica: deterrente per i malintenzionati ma anche strumento prezioso nella conduzione delle indagini».