Martedė 27 Ottobre21:26:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Covid-19: sindaco Rimini fiducioso sulla ripartenza. E bacchetta presidente Commissione Ue

Al primo cittadino di Rimini non è andata giù la frase della Von Der Leyden: "Non programmate le vacanze"

Attualità Rimini | 12:54 - 14 Aprile 2020 Il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, davanti al palazzo Garampi, sede del Municipio Il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, davanti al palazzo Garampi, sede del Municipio.

Il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, come consuetudine al termine di ogni weekend pasquale, traccia un bilancio per la propria città e il territorio riminese. Questa volta non ci sono però dati su presenze e arrivi di turisti, o bilanci su eventi che hanno ottenuto un grande riscontro di pubblico: ma solo strade e spiagge deserte, serrato presidio delle forze dell'ordine, alberghi, negozi e attività chiuse. Per Gnassi si tratta di "una dimostrazione di responsabilità della nostra comunità, che unita ha condiviso lo spirito e osservato queste misure così stringenti". Ancora l'emergenza sanitaria non è finita, le misure restrittive sono state prorogare di un altro mese, ma è tempo di iniziare a pensare al dopo, alla ripresa: "Siamo stati colpiti e ci siamo risollevati per diventare riferimento nel mondo. Ora viviamo questo periodo di sospensione lavorando e progettando il domani; istituzioni, categorie, esperti insieme, ipotizzando scenari inediti, nonostante le incertezze e un quadro in costante mutamento". Il primo pensiero va al settore turistico e Gnassi punzecchia il presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Leyen, e l'invito, definito "improvvido", a non pianificare e programmare vacanze per l'estate, mentre le istituzioni italiane "studiano bonus e incentivi per dare un impulso al turismo nostrano" e mentre "con gli operatori e imprenditori si studiano modalità per come riorganizzare attività, aziende e fabbriche e per proporre agli ospiti ai turisti servizi in linea con le nuove esigenze di sicurezza sanitaria e igienica". Il primo cittadino riminese si dice fiducioso che dopo "una primavera chiusi in casa, si possa tornare in spiaggia e a riscoprire i borghi", rispettando normative e prescrizioni per garantire sicurezza e salute di tutti. Non è dello stesso parere però il virologo Fabrizio Pregliasco, che in un'intervista a Radio 2 ha parlato di agosto "con spiagge mezze vuote". Il ritorno alla normalità pare sia molto più lungo e lento del previsto.