Lunedý 25 Maggio16:32:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Partito il servizio docce per i senza fissa dimora, Rumori Sinistri "Preoccupante ritardo"

L'associazione si è chiamata per questo fuori dalla gestione, limitandosi a supportare il servizio

Attualità Rimini | 12:00 - 14 Aprile 2020 Partito il servizio docce per i senza fissa dimora, Rumori Sinistri "Preoccupante ritardo"

Ben 43 persone senza fissa dimora hanno usufruito del servizio doccia messo a disposizione nella sola giornata di venerdì dal Comune di Rimini. Lo comunica con relativa soddisfazione l'associazione Rumori Sinistri, che però ricorda di aver espresso «contrarietà sia al Comune sia alle altre realtà impegnate nell'unità di strada rispetto alle modalità emergenziali e improvvisate di organizzare questo servizio, a oltre un mese dall'inizio della quarantena da Coronavirus», chiamandosi ufficialmente fuosi dalla gestione del predetto. Si limiterà quindi a supportarlo, visto che ci saranno altre aperture nel corso delle prossime settimane, con la contestuale partenza di una raccolta di vestiti con la staffetta solidale, in collaborazione con le attiviste del Guardaroba di Casa Madiba e dell'assemblea provinciale per il Reddito di quarantena.

La recriminazione è presto fatta: «Una città che ospita milioni di turisti con più di mille strutture alberghiere (2500 in tutta la provincia) non è in grado di organizzare un unico servizio degno per garantire la accoglienza e l’igiene personale delle persone senza casa, senza un luogo sicuro, uno spazio di protezione in cui rifugiarsi», denunciano gli attivisti, che ricordano come servano «nuove case e spazi di accoglienza».

«Pur felici che 43 persone senza casa dopo 45 giorni hanno potuto lavarsi per 15 minuti e avere un kit e un cambio di vestiti, non possiamo non sentire il peso di non aver fatto abbastanza per loro, il peso di chi soffre ovunque nel mondo».