Marted́ 26 Maggio00:07:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Covid 19 e sport: le imprese sportive di "Bicio" Draghi e Fabio Faggiani finiscono su Rai Uno

Tanti appassionati runner continuano ad inviare alla nostra redazione testimonianze delle proprie imprese sportive

Sport Riccione | 17:23 - 10 Aprile 2020 Covid 19 e sport: le imprese sportive di "Bicio" Draghi e Fabio Faggiani finiscono su Rai Uno

Due delle piccole imprese sportive compiute da appassionati podisti, che hanno raccolto la sfida lanciata dal nostro portale altarimini.it, saranno raccontate da Rai Uno, all'interno del programma televisivo "Da noi..a ruota libera", in onda tutte le domeniche dopo Domenica In. Fabrizio "Bicio" Draghi di Novafeltria, il primo a correre la mezza maratona nel proprio terrazzo di casa, e Fabio Faggiani, runner di Tolfa, paese vicino a Civitavecchia, che ha corso 70 km dentro le proprie mura casalinghe, 42 attorno al tavolo di casa, saranno in collegamento Skype e racconteranno le loro bizzarre imprese sportive. 

Intanto, l'ultimo runner protagonista della nostra rassegna, è il riminese Antonio Camporesi, avvocato iscritto al Triathlon Duathlon di Rimini, che il 9 aprile ha corso la mezza maratona intorno al cortile di casa.

Tanti appassionati runner continuano ad inviare alla nostra redazione testimonianze delle proprie imprese sportive portate a termine all’interno delle proprie mura di casa o nei propri giardini, da tutta Italia, nel pieno rispetto delle normative imposte dall’emergenza coronavirus. 

Con quest'ultimo articolo vogliamo ringraziare tutte le persone che ci hanno scritto, da tutta Italia, raccogliendo la sfida lanciata dal nostro portale.

Obiettivo era alleggerire la mente dei nostri lettori con notizie più curiose e meno angoscianti, stimolare tutti gli atleti amatoriali, costretti a rinunciare a maratone o manifestazioni sportive a cui erano iscritti e a rimanere chiusi dentro casa, e per coloro che sono abituati ad allenarsi, correndo per ore e ore, non è affatto facile.

Evidenziamo così, con grande soddisfazione, che per molti siamo stati uno stimolo per continuare ad allenarsi all’interno delle proprie mura casalinghe in percorsi bizzarri, sui terrazzi, e c'è chi addirittura ha corso una maratona intorno al tavolo,  rispettando in pieno le regole imposte da questa tragica pandemia che ha colpito l’Italia. Complimenti a tutti voi che avete partecipate e a tutti voi che ci avete scritto.

La sfida di altarimini.it va in archivio, ma ovviamente la raccomandazione rimane la stessa: rimanere a casa e allenarsi a casa.