Giovedý 29 Ottobre09:46:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus e quarantena, la Riviera romagnola si blinda per respingere i turisti di Pasqua

Da Comacchio a Cattolica scattano i controlli straordinari anti-gite al mare 

Attualità Rimini | 11:15 - 10 Aprile 2020 I controlli della polizia lungo le strade riminesi I controlli della polizia lungo le strade riminesi.

Vietato uscire di casa se non per comprovate esigenze, e questo vale nei giorni feriali e festivi, nessuno escluso. Quindi anche se domenica e lunedì, almeno nel Riminese, ci sarà un sole splendente e se cresce l'esigenza di riabbracciare i propri cari, non bisogna agire in modo irresponsabile, dimenticando che siamo ancora nel pieno di un'emergenza sanitaria che è tutt'altro che sotto controllo.

Ecco perché su tutta la riviera romagnola, dai lidi di Comacchio ai confini di Cattolica per impedire che più di qualcuno ceda alla tentazione di trascorrere le vacanze di Pasqua al mare, peraltro blindato dall'ultima ordinanza regionale.

Le prefetture di Ferrara, Ravenna, Forlì e Rimini assieme ai Comuni e alle forze dell'ordine hanno già sul tavolo un piano per blindare i lidi romagnoli. Le vacanze di Pasqua segnano tradizionalmente l'avvio della stagione turistica, con alberghi pieni e spiagge già affollate. Ma proprio per evitare l'esodo, soprattutto dalle città dell'Emilia e della Lombardia, ci saranno ancora più controlli.