Sabato 30 Maggio17:09:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus, beccata in auto di notte dice: "Vado al pronto soccorso". Ma arriva la maxi multa

Sono cinque le sanzioni elevate dalla polizia ad altrettanti soggetti che hanno infranto le norme anti contagio

Cronaca Rimini | 18:30 - 07 Aprile 2020 I controlli di lunedì 6 aprile della Polizia di Rimini I controlli di lunedì 6 aprile della Polizia di Rimini.

Cinque sanzioni amministrative per altrettante persone, al termine dei controlli effettuati ieri (lunedì 6 aprile) nel Comune di Rimini dalla Polizia. Nel pomeriggio è stato fermato un 29enne originario di Ragusa, che si trovava davanti alla passerella del bagno 28, intento a osservare i lavori per il nuovo depuratore, nell'ambito del piano della salvaguardia della balenazione. Proprio per questa, ha detto ai poliziotti, si trovava lì. Un 59enne, residente in via Marecchiese, è stato trovato in spiaggia, così una 27enne riminese, entrambi lontani dal proprio domicilio. Infine sempre in spiaggia è stato "pizzicato" un 53enne albanese, che ha detto di essere lì "per vedere da vicino il mare". La quinta sanzionata è una donna di Bellaria Igea Marina, di 58 anni, fermata alla guida della propria automobile sulla Statale 16, in direzione Ravenna. Ha detto che si stava recando al pronto soccorso in quanto sentiva male all'anca, ma - essendo l'ospedale di Rimini in direzione opposta - ha poi cercato di cambiare la propria versione dei fatti, sostenendo di esservi già stata, ma di aver trovato fila. Dagli accertamenti non è risultata la sua registrazione al pronto soccorso dell'ospedale, per questo è stata sanzionata.