Lunedì 25 Maggio17:29:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo, il Pd ringrazia la cittadinanza. Ma il monito: "Pasqua e Pasquetta, stiamo a casa"

E' il segretario della sezione clementina Mirko Rinaldi a evidenziare quanto la città di sia stretta di fronte alle difficoltà

Attualità Santarcangelo di Romagna | 12:43 - 07 Aprile 2020 Santarcangelo Santarcangelo.

Vicinanza e gratitudine nei confronti del personale sanitario – con un plauso particolare a quello del Franchini che si è messo a disposizione dell’Infermi di Rimini – pieno appoggio alle tante iniziative di contenimento e sostegno sociale messe in campo dall’amministrazione comunale e uno sguardo oltre il Coronavirus nella speranza che quella Santarcangelo “che ancora una volta dimostra di saper stringersi come una famiglia di fronte alle difficoltà” esca da questa drammatica situazione con rinnovato slancio e crescita collettiva: il Pd Santarcangelo torna a far sentire la sua voce per esprimere tutta la sua vicinanza ai vari protagonisti del contenimento dell’emergenza sanitaria e rinnova l’invito a rispettare alla lettera le prescrizioni “continuando sul solco di grande responsabilità dimostrata fino a ora anche e ancor più a Pasqua e Pasquetta”.

E’ il segretario della sezione clementina Mirko Rinaldi a evidenziare come “in questo periodo difficile il Comune stia affrontando al meglio una prova mai vista e complessa” che ha preso subito di petto. “Fin da subito si è attivato per alleviare il disagio dei cittadini e lo sta facendo con una serie di iniziative a 360° di cui mi piace ricordare quelle più attente ai bisogni: le azioni per l’efficacia della didattica a distanza, l’attivazione del numero gratuito antiviolenza e del servizio a distanza del centro per le famiglie, le telefonate di sostegno psicologico, l’attivazione e distribuzione dei servizi di consegna spesa e medicinali, l’istituzione dello spazio pubblico all’aperto destinato a famiglie e bambini con bisogni speciali, il posticipo delle tasse locali, la distribuzione veloce dei finanziamenti statali per i buoni spesa i prossimi giorni...”.

Il ringraziamento va poi esteso al mondo della cultura (“Alla Biblioteca che non si è mai fermata, garantendo letture e favole on line, ai Musei che garantiscono visite virtuali”), ai privati “che mettono in campo iniziative di grande generosità”, ad associazioni di categoria e sindacati “in azione costante per tutelare i lavoratori in grande difficoltà”. Un pensiero particolare non può non andare “al nostro ospedale e alla grande disponibilità dimostrata nel riconvertire il Franchini mettendo personale a disposizione dell’Infermi nella battaglia al Covid-19” e “al prefetto, al coordinamento di tutte le forze dell'ordine e alla polizia locale”.

Cosi come non si può non evidenziare “la diligenza e la responsabilità dei santarcangiolesi. A partire da quella di commercianti, che hanno deciso di chiudere prima ancora che arrivasse l’obbligo nazionale per contribuire a contrastare questa pandemia. Mentre chi, come gli alimentari e le farmacie, è rimasto aperto l’ha fatto con generosità e seguendo alla lettera i dettami restrittivi”.  E siamo vicini a chi “in questo periodo si trova a dover lavorare con raddoppiata responsabilità o in condizioni potenzialmente pericolose per il contagio, a chi ha dovuto cambiare in pochissimo tempo modo di farlo, come ad esempio gli insegnanti” ancora Rinaldi, chiosando con un appello: “Stiamo dimostrando di essere una grande comunità e magari tutto questo percorso difficoltoso e pericoloso che va fatto tutti insieme potrà diventare un’occasione di crescita per tutta la città. Oggi non esistono bandiere e ricerca di consenso,  ma solo il bene collettivo ed è per questo che è necessario l’ultimo sforzo: non allentiamo la presa per le festività di Pasqua, rispettiamo le prescrizioni e stiamo a casa anche domenica e lunedì