Giovedý 29 Ottobre09:01:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus in regione, la curva si sta appiattendo ma Bonaccini sollecita "Restate a casa"

Il governatore commenta i dati degli ultimi giorni con cauto ottimismo

Attualità Rimini | 10:43 - 06 Aprile 2020 Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

L'Emilia-Romagna registra un graduale rallentamento della pandemia da nuovo Coronavirus, che dalla percentuale di crescita giornaliera del 15 per cento è sceso al 5 per cento, in alcune province (come Rimini) anche inferiore.

Il segnale è positivo, ma il presidente della Regione Stefano Bonaccini invita a rispettare ancora le disposizioni, più stringenti e contenute in un'apposita ordinanza in vigore fino al 13 aprile.

Nonostante l'aumento considerevole di posti letto destinati ai malati da Covid-19, «grazie alla sanità regionale pubblica, universalistica, capillare, ma anche grazie all'unità di intenti con il governo siamo riusciti a gestire al massimo delle nostre possibilità questa emergenza», racconta in un'intervista a Il Fatto Quotidiano, cui precisa che «riaccentrare la gestione del servizio sanitario sarebbe un drammatico passo indietro. Dobbiamo alzare il livello dove è più basso, non il contrario».

Sulla questione economica ribadisce come «al governo non abbiamo posto il problema di quando riaprire ma di come farlo, immettendo liquidità e stimolando la rivoluzione digitale. Serve un cambio radicale di paradigma. O ne usciamo tutti insieme o davvero non si salverà nessuno».