Giovedý 04 Giugno16:23:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Covid-19: ristorante stellato Guido di Miramare fa consegna a domicilio e dona parte dell'incasso

Il 10% degli incassi saranno devoluti all'ospedale Infermi di Rimini

Attualità Miramare | 12:49 - 04 Aprile 2020 Gianpaolo e Gianluca Raschi del ristorante Guido Gianpaolo e Gianluca Raschi del ristorante Guido.

Guido cucina per te e ti porta la cena a domicilio. Scatta da oggi il particolare delivery del noto ristorante di Miramare, da 13 anni insignito con la stella dalla Guida Michelin, che in tempi di Coronavirus offre un nuovo servizio ai residenti nei comuni di Rimini e Riccione inserendo nel menu anche l’ingrediente della solidarietà. “Destineremo a fine mese il 10% dell’incasso all’ospedale Infermi. Un piccolo contributo e un pensiero con cui ringraziare chi ogni giorno è in prima linea per la salute di tutti noi” spiegano infatti Gianpaolo e Gianluca Raschi, che hanno ribattezzato l’iniziativa Guido fino a casa.

Sulla pagina Facebook del ristorante sarà disponibile un menu di sei piatti, che si potranno prenotare fino alle 16 con un messaggio whattsapp al numero 333-4945550 e saranno poi consegnati a domicilio fra le 16 e le 18.30. “Si tratta di proposte della tradizione, ma vista anche la qualità degli ingredienti e in qualche caso la complessità abbiamo scelto di non fare proposte espresse, che arrivano calde e solo da impiattare: saranno cinque piatti sottovuoto da rigenerare in maniera molto semplice in temperatura, cui aggiungeremo una Catalana di pesce e crostacei fredda e pronta invece all’uso” , spiegano in una nota i fratelli Raschi, che si divideranno i compiti in un homemade veramente di famiglia: Gianpaolo in cucina nel Lab a qualche decina di metri da Guido e Gianluca addetto alle consegne.

Il menu prevede due primi (Una pasta battuta con ragù di vongole della tradizione e uni gnocco di patate con calamari, aglio nero e stridoli), una triglia, lattuga cotta e cipolla stufata, la seppia con i piselli e patate arrosto con polpo e rosmarino. Oltre alla Catalana già citata.

Metteremo a disposizione anche una piccola selezione di bottiglie di vino che varierà con il passare dei giorni - concludono i due ristoratori, da oggi di nuovo a disposizione del pubblico - tutti i giorni, anche per mantenerci in attività e fornire un servizio utile in tempi in cui bisogna stare a casa. Anzi, cogliamo l’occasione per invitare tutti a restarvi e a rispettare le prescrizioni, poi alla cena ci pensiamo noi e ve la portiamo”. Con l’occhio sempre attento alla solidarietà e al personale sanitario dell’Infermi.