Giovedý 09 Luglio13:39:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Appello alla diminuzione delle tariffe, il gruppo Hera risponde all'assessore riccionese Santi

L'azienda sottolinea "Si confondono i risultati di un anno molto positivo"

Attualità Riccione | 10:10 - 02 Aprile 2020 La sede Hera di Bologna La sede Hera di Bologna.

Con riferimento alle dichiarazioni di mercoledì dell’assessore al bilancio del comune di Riccione Luigi Santi, Hera desidera innanzi tutto precisare che «si confondono i risultati di un anno molto positivo per l’azienda, di cui è socio anche il Comune di Riccione, con la difficile situazione dell’anno corrente, per Hera come per tutti i cittadini e imprese».

Rientra nella piena libertà dell’amministrazione decidere di destinare la propria porzione di dividendo, ottenuto attraverso la partecipata Geat per le azioni ancora detenute, alla riduzione di Tari ai cittadini e imprese, così come con i proventi ricavati con l’ulteriore balzello in capo ad Hera relativo al pagamento della Tosap, pari a circa 1 milione di euro.

«Affermare che sia Hera a decidere il corrispettivo da pagare per i servizi richiesti dal Comune è quantomeno bizzarro; la società rendiconta annualmente e puntualmente i costi sostenuti, l’agenzia regionale Atersir verifica la correttezza, i Comuni approvano i Piani Economico Finanziari e scelgono il livello dei servizi per l’anno successivo. Così come non risponde al vero che Hera incassi 14,8 milioni, da questa cifra vanno dedotti circa 3 milioni di euro (oltre il 20 per cento) che si tiene il Comune per sue attività amministrative, anche questi potrebbero essere oggetto di ulteriore contenimento a favore dei cittadini, data la rilevanza dell’importo».

I ricavi netti riconosciuti a Hera coprono esclusivamente i costi che vengono sostenuti per la fornitura del servizio; anche in queste settimane, con tutte le difficoltà e complessità che la situazione comporta, il Gruppo ha complessivamente oltre 4500 persone operative sul campo e circa 3 mila attive in remote working, con questo garantendo anche la continuità operativa ed economica a tutte le imprese terze coinvolte.

Per quanto attiene poi le azioni di supporto ai cittadini e imprese, l’azienda già da un mese si è resa disponibile a dilazioni e rateizzazioni senza interessi, oltre alla costante garanzia di pagamento ai fornitori per garantire loro una adeguata liquidità.