Venerdý 29 Maggio08:48:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cantieri chiusi a Riccione, Ermeti: priorità lungomare, Viale Tasso e manutenzione strade

"Ogni scelta fatta dall’amministrazione è mutuata da senso di responsabilità per il bene dei cittadini"

Attualità Riccione | 17:49 - 31 Marzo 2020 La passeggiata Goete a Riccione La passeggiata Goete a Riccione.

Cantieri fermi a Riccione, come ovunque, ma la priorità « è la salute e il bene della nostra comunità». A fare il punto sui lavori pubblici è l’assessore Lea Ermeti. Riccione è una città che fonda la sua economia sul turismo e alcuni di questi, come quello che interessa il lungomare, potrebbero inficiare sull’andamento dell’estate.


I CANTIERI ESISTENTI E FERMI

I cantieri esistenti al momento sono diversi, a partire dalle scuole: scuola di Via Panoramica, scuola di Via Capri, «per la realizzazione di spazi dove svolgere attività didattiche e sportive in completa sicurezza, in luoghi architettonicamente belli e realizzati con tecniche ecosostenibili e bioclimatiche», spiega Ermeti.
Altre opere in cantiere sono la riqualificazione di Corso F. Cervi, la nuova passeggiata Goethe, Viale Tasso, lo sfondamento del XIX Ottobre, la pista ciclabile di viale Veneto, a breve la riqualificazione del Quartiere del Polo scolastico con la realizzazione di una nuova pista ciclabile, e come sempre la manutenzione straordinaria dei parchi e della viabilità carrabile e pedonale.

«Altra grande priorità è la rigenerazione dei quartieri con asfalti nuovi, marciapiedi, nuova illuminazione, nuovo verde e arredo urbano. In questo caso già stanno procedendo i progetti.
Intanto per l'estate 2020 si provvederà con nuovo arredo urbano e nuova illuminazione».


IL LAVORO DI EQUIPE AI TEMPI DI CORONAVIRUS

Per raggiungere gli obiettivi ambiziosi che dall’amministrazione si sono preposti, si continua a lavorare alacremente da casa in smartworking, «quotidianamente mi confronto con il Dirigente, l’ Ing. Michele Bonito, e tutto il settore per continuare a lavorare.
 Ci prepariamo a quando si potrà riprendere l’attività a pieno regime. Infatti i tecnici del mio settore stanno portando avanti diversi progetti, che andremo a breve ad approvare per poi trovarci pronti a ripartire con più forza e slancio. Stiamo interpellando ditte interne, per evitare il più possibile gli spostamenti».


FINO AL 3 APRILE CANTIERI CHIUSI, E POI?

Secondo’art. 11 del DPCM ,“Sono sospesi tutti i cantieri di lavoro ad eccezione di quelli urgenti connessi alla messa in sicurezza del territorio e a quelli relativi ad opere pubbliche di somma urgenza e di ripristino dei luoghi pubblici”. Fino al 3 aprile i cantieri sono chiusi «noi abbiamo deciso, in condivisione con Sindaco, di non leggere tra le righe, ma dare assolutamente priorità alla salute dei nostri cittadini e dei lavoratori. Il nostro obiettivo era di portare a termine i lavori in maggio, almeno per la maggior parte, e riprenderli a settembre, per la pausa estiva. Viale Tasso e Passeggiata Goete comunque questa estate saranno fruibili. Lavoreremo perché lo scopo principale è di renderli agibili.
Stiamo valutando anche la sistemazione delle aree verdi pubbliche soggette a taglio o/e diserbo, ma solo in casi urgenti di sanificazione ed igienizzazione pubblica dell’ambiente.
Nel frattempo ci stiamo già occupando della sanificazione degli immobili pubblici a partire da tutto il nostro patrimonio scolastico.
Qualora il DPCM dovesse avere una proroga, ci confronteremo con il prefetto, la Dott.ssa Alessandra Camporota, e valuteremo a quali di questi dare la priorità, noi riteniamo siano fondamentali il lungomare, viale Tasso e la manutenzione degli asfalti».


NE USCIREMO PIU’ FORTI

Ogni scelta fatta dall’amministrazione «è mutuata da grande senso di responsabilità e pone come obbiettivo primario, esclusivamente il bene della nostra comunità.
Ci auguriamo che queste restrizioni diano la risposta che tutti ci aspettiamo e quindi che, entro breve tempo, tutto possa ripartire sia per quanto riguarda il pubblico sia il privato, specie per i nostri imprenditori che con grandi sforzi e sacrifici investono ogni anno nella propria azienda.
Oggi più che mai dobbiamo essere tutti uniti per vincere questa battaglia e per ricominciare insieme».
  


Maria Assunta (Mary) Cianciaruso