Venerd́ 29 Maggio08:58:09
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Le attività di aiuto concreto e di ascolto del sindacato dei pensionati della CGIL con Auser Rimini

La rete solidale nel territorio si amplia di nuovi servizi per i 24 mila iscritti pensionati

Attualità Rimini | 17:18 - 30 Marzo 2020 Lo Spi Cgil di Rimini (foto da Facebook) Lo Spi Cgil di Rimini (foto da Facebook).

Il sindacato dei pensionati Spi CGIL di Rimini non sta svolgendo attività di sportello nelle sedi, ma già da una decina di giorni si è organizzato da casa telefonando ai propri iscritti per cercare di raccogliere le svariate richieste e i bisogni che in questo difficile momento rischiano di rimanere senza risposte. In ciò lo Spi si è unito alla rete di solidarietà che è rappresentata dai tanti volontari che continuano ad agire sul territorio e alle stesse amministrazioni comunali che, attraverso i servizi sociali si stanno adoperando in tal senso.

I pensionati iscritti allo Spi del territorio di Rimini sono 24 mila, di cui 2204 superano i novant’ani e 62 i centenari. I primi ad essere contattati dagli attivisti delle Leghe SPI sono i novantenni e via via i meno anziani. Molti hanno problemi concreti da risolvere e le loro esigenze vengono raccolte e girate agli uffici e alle strutture competenti, altri vivono momenti di grande solitudine e dunque parlare e ascoltarli può contribuire a sollevare almeno per un po’ il loro stato depressivo. Metterli in allerta rispetto ad eventuali approfittatori, consigliare di restare in casa e non aprire a sconosciuti sono altre raccomandazioni che è sempre importante ribadire.

In questo momento di grande emergenza sanitaria e sociale e di isolamento forzato, un importante contributo pratico anche dall’associazione di volontariato Auser che si è messa a disposizione ed in rete con i Comuni, le Unità Sanitarie Locali, i Prefetti e la Protezione Civile. Auser, oltre alla spesa, ai farmaci e ai pasti caldi consegnati a casa alle persone non autosufficienti e fragili, è impegnata nell’ascolto telefonico e nel più impegnativo accompagnamento verso i luoghi di cura.

I volontari di Auser sono muniti del modulo di autocertificazione che dice esplicitamente che escono per “attività di volontariato di prima necessità” rivolto a persone sole e fragili e lettera di incarico firmata dal Presidente dell’associazione. I Comuni sono informatisulle attività dei volontari che sono dotati dei necessari strumenti di protezione (mascherine, guanti, gel, chiesti ai Comuni).

Per contattare Auser: tel e fax 0541778111, tel. 0541779997, e.mail: auser-rimini@libero.it, presidenza@auserrimini.it.