Marted́ 02 Giugno06:26:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus: arrivano altre mascherine e tute in Emilia Romagna

Donini-Priolo: "Ora le forniture vengano garantite in maniera costante"

Attualità Emilia Romagna | 17:35 - 28 Marzo 2020 La consegna della mascherine da parte delle Forze dell'ordine alla Protezione civile regionale La consegna della mascherine da parte delle Forze dell'ordine alla Protezione civile regionale.

In Emilia-Romagna arrivano altri dispositivi di protezione individuale – mascherine, guanti, tute - grazie a un incessante lavoro di collaborazione tra Dipartimento nazionale e Agenzia regionale di Protezione civile e Forze dell’ordine.
“Negli ultimi tre giorni riusciamo ad avere i quantitativi sufficienti per i bisogni socio-sanitari dell’Emilia-Romagna- spiegano gli assessori regionali alla Sanità, Raffaele Donini, e alla Protezione civile, Irene Priolo-. Tra i 400-500 mila Dpi al giorno, quantitativo in questo momento necessario per mantenere in sicurezza medici, infermieri e personale socio-sanitario della nostra regione, con un fabbisogno che è via via cresciuto”.
“Solo ieri, attraverso la nostra Protezione civile regionale, che ringraziamo per il lavoro straordinario che sta mettendo in campo dall’inizio dell’emergenza anche attraverso competenze senza precedenti a livello internazionale, abbiamo distribuito più di 450 mila mascherine- affermano Donini e Priolo-.  E abbiamo avviato in supporto alla sanità una distribuzione diretta dei dispositivi anche al personale delle Asp, delle case protette e ai medici di base, obiettivo altrettanto prioritario”.
“Ora è necessario che questo sistema, che ha avuto un rinnovato impulso grazie anche al Commissario nazionale, si strutturi e garantisca queste forniture in modo costante e sicuro. Abbiamo bisogno che le persone coinvolte, dai tecnici della Protezione civile nazionale e regionale ai collaboratori delle Forze dell’ordine, proseguano in questo incessante lavoro di squadra- chiudono Donini e Priolo-: siamo operativi giorno e notte perché medici, infermieri, farmacisti, operatori sanitari, medici di famiglia e chiunque sia ogni giorno in prima linea a combattere il virus possa agire in condizioni di sicurezza”.