Marted́ 26 Gennaio00:38:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La storia di Uliana, 96 anni di avventure, nel progetto "Storie e Vite di Poggio Torriana"

L’esperienza di Uliana Ottaviani, nonna e bisnonna, raccontata alle figlie e alle nipoti

Attualità Poggio Torriana | 09:46 - 27 Marzo 2020 Uliana Ottaviani Uliana Ottaviani.

Uliana Ottaviani è la protagonista del nuovo appuntamento della Rubrica “Storie e Vite di Poggio Torriana”. Più che una storia, la saga di una donna di Borgo Camerano che si avvia a compiere 96 anni. «Da quando viviamo la ormai tristemente nota emergenza sanitaria, - spiega l’assessore Francesca Macchitella, curatrice del progetto “Storie e Vite di Poggio Torriana” - ho chiesto alle famiglie di Poggio Torriana di raccogliere i pensieri dei propri cari, degli anziani e dei nonni che più difficilmente da soli avrebbero scritto al Comune. Ed a questo appello non ha tardato ad arrivare la prima risposta che ci regala una storia romantica, fatta di avventure, amore, sacrifici, guerra e tanto lavoro».

Questa volta a raccontarsi con generosità è Uliana che grazie a sua nipote, Sabrina Cappa e alle sue figlie, Daria e Giovanna, ha avuto la possibilità di ripercorrere la sua infanzia, il suo matrimonio e la dura vita di donna lavoratrice al fianco del marito, poi gli anni delle soddisfazioni come mamma, nonna e anche bisnonna nel corso di quasi un secolo di vita.

«Come per i precedenti racconti autobiografici, - spiega l’assessore Macchitella - anche
stavolta, la storia di Uliana è un esempio positivo per tanti giovani a perseguire la propria strada con forza e tenacia anche quando sembrano esserci ostacoli davanti, ma è anche un incoraggiamento per altri anziani a vivere questi giorni difficili vicino alla propria famiglia, con speranza e fiducia per ritornare insieme alla vita “normale”».

«Il sito web del Comune – conclude l’assessore - continua con la storia di Uliana (che potete leggere qui) ad offrire uno strumento di valorizzazione della nostra comunità creando nuovi contenuti partecipativi e rinnovati rapporti tra le diverse generazioni nonché un ricco scambio di esperienze di vita.”

< Articolo precedente Articolo successivo >