Mercoledý 12 Agosto02:42:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Anche se chiusa, l'attività della biblioteca Gambalunga di Rimini prosegue in rete

Crescono i contatti su social e sito web e aumenta l'accesso alle risorse online

Attualità Rimini | 14:36 - 26 Marzo 2020 La testata della pagina Facebook della biblioteca Gambalunga di Rimini La testata della pagina Facebook della biblioteca Gambalunga di Rimini.

La biblioteca Gambalunga sfreccia sul web. Chiusa al pubblico da due settimane, la centenaria biblioteca di Rimini vive on line grazie alle molteplici opportunità offerte dai social network e dalle tecnologie della rete. 

I bibliotecari che operano in smart working hanno messo a punto un fitto calendario di appuntamenti quotidiani, a partire dai tutorial per leggere gli ebook, i giornali, gli audiolibri, musiche e film, che si possono scaricare su MLOL con la tessera della Biblioteca, oppure per cercare nei cataloghi suoi e delle altre biblioteche.

Nelle due settimane di chiusura i 34 post pubblicati sulla pagina Facebook della Gambalunga hanno ottenuto una copertura di oltre 23 mila utenti. Le interazioni dei post invece sono state 6 mila 300 con un aumento del 63 per cento rispetto al periodo precedente. I like sulla pagina FB della Gambalunga sono arrivati a 6 mila con un aumento del 42 per cento rispetto al periodo precedente al blocco.

Grande apprezzamento stanno inoltre raccogliendo i quattro video sulle collezioni fotografiche e i manoscritti gambalunghiani, che sono stati visualizzati finora 9.978 volte. Ben 3.000 gli utenti che hanno visitato il sito, principalmente per ascoltare i podcast delle decine di conferenze organizzate negli anni e caricate nel ricco archivio on line e anche le letture per i bambini.

Oltre trecento infine le telefonate di richieste di informazione.
E aumenta anche l'accesso ai prestiti on line: nelle ultime due settimane attraverso il portale delle Biblioteche di Romagna Scoprirete sono stati 3.515 le richieste per gli e-book e 3.854 quelle per gli audiolibri, rispondendo quindi alla voglia di lettura riscoperta in queste settimane di vita necessariamente domestica.