Domenica 29 Marzo00:55:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus: "Preoccupa l'aumento dei casi a Rimini". Altri 39 positivi

I casi salgono a 245, crescita percentuale del 19%: la Regione invita i riminesi a stare a casa

Attualità Rimini | 17:35 - 11 Marzo 2020 I contagiati da Coronavirus nel riminese crescono di altre 39 unità I contagiati da Coronavirus nel riminese crescono di altre 39 unità.

Aggiornamenti sui contagi da Coronavirus nel riminese: i casi sono 245, 39 in più rispetto a ieri (mercoledì 11 marzo). Tra i 245 sono compresi quattro residenti fuori regione e il cittadino sammarinese purtroppo deceduto, Il commissario alla sanità Sergio Venturi raccomanda ai cittadini riminesi di rimanere a casa: a parte la Provincia di Piacenza, la zona più interessata dai contagi anche per la vicinanza alla Lombardia, l'area monitorata è proprio quella del riminese, la terza Provincia per numero di contagiati e quella con un trend di contagiati in aumento del 19% (rispetto a ieri è la seconda provincia con il maggior numero di contagiati in più). I decessi in tutta la regione Emilia Romagna salgono da 86 a 113: quattro nel riminese, per un totale di 7 deceduti. In totale i contagiati da Coronavirus in Regione sono 1739 (+206 rispetto a ieri). 

La nota della Prefettura di Rimini

Per quanto concerne l’aggiornamento sulla situazione sanitaria in provincia di Rimini, secondo i dati forniti dall’Ausl Romagna ad oggi risultano comunicati dalla Regione 245 pazienti positivi a coronavirus, dei quali 238 sono residenti in provincia di Rimini, 6 residenti fuori regione e il cittadino sammarinese purtroppo deceduto. Si tratta di 245 diagnosi positive su oltre 335mila residenti.
Rispetto a quanto comunicato ieri si è registrato un incremento di 37 casi di residenti in provincia di Rimini, di cui 21 uomini e 16 donne. Di questi, 16 sono ricoverati in ospedale e 21 risultano a domicilio in quanto privi di sintomi o con sintomi leggeri.
Ai 6 decessi già noti se ne sono aggiunti altri 4: sono uomini di 86, 83 e 82 e 81 anni.
Sono oltre 950, infine, le persone in quarantena volontaria obbligatoria.
Secondo quanto comunicato dall’Azienda sanitaria, rispetto all’inizio delle positività nella giornata di oggi è da rilevare l’uscita dalla quarantena delle prime 10 persone, che non hanno avuto sintomi e stanno bene.
L’Ausl, infine, segnala che, in chiave preventiva, sono state perfezionate le pratiche burocratiche per recuperare ulteriori spazi di degenza, sempre nell’ambito del nuovo Dea.

La nota della regione Emilia Romagna

In Emilia-Romagna sono complessivamente 1.739 i casi di positività al Coronavirus, 206 in più rispetto all’aggiornamento di ieri pomeriggio. Passano da 5.167 a 6.640 i campioni refertati. Si tratta di dati disponibili e accertati alle ore 12, sulla base delle richieste istituzionali.

Complessivamente, ci sono 718 persone in isolamento a casa perché con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o prive di sintomi; quelle ricoverate in terapia intensiva sono invece 104 (6 in più rispetto a ieri). E salgono a 38 (ieri erano 31) le guarigioni, 37 delle quali riguardano persone “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 1 dichiarata guarita a tutti gli effetti perché risultata negativa in due test consecutivi.

Purtroppo, però, crescono anche i decessi, passati da 86 a 113: 27, quindi, quelli nuovi, che riguardano 22 uomini e 5 donne; la maggior parte delle persone decedute aveva patologie pregresse, in qualche caso plurime, mentre per 9 pazienti sono ancora in corso gli approfondimenti. I nuovi decessi si sono registrati 13 nella provincia di Piacenza, 4 a Parma, 4 in quella di Rimini, 3 a Reggio Emilia, 2 a Modena (di cui 1 deceduto a domicilio) e 1 a Bologna (del circondario imolese, relativo a un uomo di Medicina).

In dettaglio, questi sul territorio i casi di positività, che si riferiscono sempre non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: Piacenza 664 (31 in più rispetto a ieri), Parma 378 (53 in più), Rimini 245 (39 in più), Modena 163 (36 in più), Reggio Emilia 114 (10 in più), Bologna 108, di cui 42 del circondario imolese (complessivamente 22 in più, di cui 5 del circondario imolese), Ravenna 31 (7 in più), Forlì-Cesena  24 (di cui 17 Forlì e 7 Cesena, complessivamente 4 in più, di cui 1 a Cesena e 3 a Forlì),  Ferrara 12 (4 in più rispetto a ieri).