Venerd́ 03 Luglio12:55:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Andare in bici con il Coronavirus: nuovo decreto 9 marzo e tutte le restrizioni

Non esiste un divieto specifico all'uscita in bicicletta, stare a casa rimane la scelta migliore

Sport Rimini | 09:20 - 10 Marzo 2020 Purtroppo l'emergenza coronavirus impone alcune restrizioni per i ciclisti Purtroppo l'emergenza coronavirus impone alcune restrizioni per i ciclisti.

Giornate soleggiate, poco traffico, temperatura mite: una situazione perfetta per gli appassionati di attività all'aria aperta, soprattutto i ciclisti. Purtroppo l'emergenza coronavirus impone alcune restrizioni. Il nuovo Dpcm del 9 marzo 2020 conferma la sospensione delle attività agonistiche proprio per evitare l'assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico. L'articolo 1 paragrafo d) recita testualmente "lo sport e le attivita' motorie svolti  all'aperto sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire  il rispetto della distanza interpersonale di un metro" (Qui il testo completo del Dpcm in Gazzetta Ufficiale) Non esiste un divieto specifico all'uscita in bicicletta, ma il buon senso deve sempre guidare il cittadino e, naturalmente, anche l'appassionato delle due ruote. Stare a casa rimane comunque la scelta migliore per contenere la diffusione del Covid-19.
Bisogna comunque tenere presente alcune regole per svagarsi "in sicurezza": 
1) Non uscire in gruppo e per tanto tempo
2) Non allenarsi troppo intensamente per non ridurre le difese immunitarie
3) Usare cautela nelle discese ed evitare passaggi rischiosi. In caso di infortunio si andrebbero a togliere  risorse ad un sistema sanitario già in crisi a causa dell’emergenza Covid-19.