Giovedý 06 Agosto17:59:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus: i provvedimenti di Start Romagna per disciplinare il servizio di trasporto pubblico

I passeggeri sono invitati a mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di un metro

Attualità Rimini | 18:16 - 09 Marzo 2020 Bus sotto controllo durante il Coronavirus Bus sotto controllo durante il Coronavirus.

Al fine di contenere possibile rischio di contagio da coronavirus sui mezzi del Trasporto Pubblico Locale, in linea con le direttive della autorità competenti e in funzione all’aumentato livello di attenzione, Start Romagna ha aggiornato le misure da adottare a bordo dei mezzi in servizio, sia per il personale che per i clienti.


LE NUOVE DISPOSIZIONI
Le porte anteriori dei mezzi, normalmente utilizzate per l’accesso a bordo, saranno mantenute chiuse, pertanto i clienti potranno utilizzare esclusivamente la porta centrale e posteriore per la salita e la discesa. I passeggeri sono inoltre invitati a mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di un metro, anche dalla cabina di guida e dal conducente, come da indicazioni ministeriali.
E’ sospesa la vendita dei titoli di viaggio a bordo; i ticket potranno essere acquistati presso i punti vendita autorizzati, alle emettitrici automatiche o, scelta consigliata, tramite smartphone con le app dedicate Roger, myCicero, DropTicket, Muver.
Sui bus, inoltre, Start Romagna sta provvedendo all’affissione di volantini informativi contenenti il decalogo delle avvertenze utili (lavaggio mani, distanze, ecc.) a contenere la diffusione del coronavirus.
Quanto all’organizzazione interna, sempre per il contenimento della diffusione del virus e in osservanza del DPCM dell’8 marzo 2019, Start Romagna raccomanda ai propri dipendenti di programmare a brevissimo il maggior numero possibile di giornate di ferie.
Prosegue, in aggiunta alla tradizionale pulizia dei mezzi, l’attività di sanificazione che viene svolta quotidianamente da parte di società specializzate mediante l’utilizzo di prodotti specifici, approvati dal medico competente dell’azienda.