Mercoledý 08 Luglio06:29:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus, caso positivo a Novafeltria. A confermarlo il Comune

Ha dato esito positivo il tampone per cui il Comune di Novafeltria era in attesa di risposta

Cronaca Novafeltria | 22:01 - 07 Marzo 2020 Novafeltria Novafeltria.

Coronavirus, un caso positivo a Novafeltria. A confermarlo è stata l'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Stefano Zanchini, sulla pagina ufficiale di facebook.

"Purtroppo, in tarda serata, ci è stata confermata la positività di un cittadino del nostro Comune. La cittadinanza è tenuta ad osservare tutte le precauzioni che sono state disposte già dai giorni scorsi, e ulteriormente rafforzate dall’odierno decreto della Presidenza del Consiglio. Si raccomanda un’attenzione particolare, quale atto di civiltà e di rispetto dell’altro, nell’osservanza delle disposizioni nel  caso si sospetti un contagio proprio o dei propri congiunti".

TRATTAMENTO DELLE QUARANTENE
L’isolamento domiciliare avviene quando una persona ha avuto un contatto stretto, non casuale, con un caso accertato (tampone positivo) di nuovo coronavirus. Si estende per 14 giorni e deve avvenire in un luogo idoneo: camera singola o ad uso del solo isolato, se possibile con bagno ad uso personale. Gli operatori del Dipartimento di sanità pubblica forniscono dettagliate istruzioni e misure da adottare, tra cui ad esempio l’uso di mascherina e guanti, lavaggio frequente delle mani, arieggiare di frequente gli ambienti, pulizie e disinfezioni, consumo dei pasti in stanza, evitare contatti con gli altri membri della famiglia. Dal punto di vista epidemiologico la persone viene presa in carico dal Dipartimento di sanità pubblica con sorveglianza sanitaria attiva, cioè con valutazione quotidiana delle sue condizioni di salute: il soggetto è tenuto alla misurazione della temperatura corporea 2 volte al giorno e a riferire telefonicamente ai sanitari che pongono una serie di quesiti diagnostici anche sull’eventuale comparsa di sintomatologia.
L’Azienda si sta rapportando anche con le Forze dell’ordine per una collaborazione mirata al rispetto dalla misura, laddove vi sia il fondato sospetto che la persona non rispetti la quarantena. Si tratta infatti di un obbligo preventivo, la cui violazione è punibile con sanzioni. Le persone in isolamento sono nelle condizioni di svolgere la maggior parte delle cose consentite in un luogo chiuso.