Sabato 11 Luglio16:08:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Misure per il contenimento del Coronavirus, informazioni precauzionali da Comune e categorie

Si tratta di quelle contenute nel decreto della presidenza del consiglio dei ministri

Attualità Rimini | 14:31 - 03 Marzo 2020 L'assessore Sadegholvaad L'assessore Sadegholvaad.

L’assessore alle Attività economiche Jamil Sadegholvaad ha incontrato questa mattina i rappresentanti delle associazioni di categoria per condividere le modalità di informazione e comunicazione nei confronti degli operatori e dei clienti alla luce delle misure introdotte dal decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dpcm) per il contenimento dell'epidemia Covid-19, detta anche Coronavirus.

Il provvedimento include particolari provvedimenti per le attività di ristorazione, bar e pub, che possono continuare a essere operativi a specifiche condizioni, con servizio per i soli a posti a sedere e rispettando il principio di evitare gli assembramenti, affinché quindi gli avventori siano messi nelle condizioni di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro.

Al tavolo dell’amministrazione i rappresentanti di Cna, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato e Federalberghi, che hanno confermato di essere già preparate e attrezzate per fornire il massimo dell’informazione e del supporto agli associati così come alla clientela, «in un momento difficile sia per la gestione delle misure da adottare richieste per fronteggiare l’emergenza sanitaria, sia per il contraccolpo economico che questa potrebbe comportare – commenta l’assessore – L’amministrazione è pronta a supportare le categorie fornendo anche materiale informativo scaricabile online in modo da fornire il maggior numero di strumenti per far comprendere ai cittadini e agli operatori le prescrizioni previste dal Dpcm. Ho notato una forte unità di intenti, la condivisione da parte di tutti i soggetti coinvolti dell’importanza di mettere in campo quei comportamenti e buone pratiche indispensabili per evitare il diffondersi del virus. Un appello alla responsabilità collettiva, enti, associazioni e operatori e consumatori, oggi più che mai decisivo per uscire presto e più forti da questa situazione».