Mercoledì 08 Luglio07:01:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Volantini della Protezione civile nelle attività di Riccione per spiegare bene il Coronavirus

La sindaca Tosi: "La città non si deve fermare, dobbiamo garantire la ripresa economica"

Attualità Riccione | 13:42 - 02 Marzo 2020 Un ritaglio del volantino in distribuzione da parte della Protezione civile anche a Riccione Un ritaglio del volantino in distribuzione da parte della Protezione civile anche a Riccione.

Da lunedì mattina la Protezione civile Riviera del Conca, di cui è capofila il Comune di Riccione, volontari delle associazioni di protezione civile e della Croce Rossa, stanno distribuendo a tutte le attività economiche del territorio, volantini esemplificativi delle nuove misure per il contenimento della diffusione del coronavirus, emanate ieri dalla Presidenza del Consiglio dei ministri. I volantini elencano in maniera schematica di facile consultazione, le varie misure messe in campo dal Governo. 

Oltre alle sospensioni già note dai giorni scorsi per le manifestazioni, i grandi eventi, eventi sportivi e competizioni con pubblico presente, servizi educativi per l’infanzia e attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado; è permesso lo svolgimento delle attività di ristorante, bar e pub per i soli posti a sedere a condizione che gli avventori siano messi nelle condizioni di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. Le altre attività commerciali devono adottare misure organizzative che consentano un accesso contingentato per evitare assembramenti di persone. Sono consentiti eventi sportivi e sedute di allenamento all’interno degli impianti sportivi a porte chiuse. Sono vietate le trasferte dei tifosi.  

Per il rispetto di tali norme è fondamentale la collaborazione di tutti i cittadini. Questo pomeriggio infatti il sindaco di Riccione, Renata Tosi, incontrerà i rappresentanti delle associazioni sportive riccionesi al fine di rendere più agevole il coordinamento e l'applicazione delle regole da parte degli operatori per consentire lo svolgimento degli allenamenti per tutte le discipline sportive, a porte chiuse e con un numero congruo di persone. Ad esempio per gli allenamenti dei bambini, questi dovranno avvenire - come da decreto della presidenza del Consiglio - a porte chiuse, quindi anche senza la presenza dei genitori, inoltre al fine di evitare assembramenti non sarà possibile accedere agli spogliatoi per le docce. 

Nell’ottica di un costante coordinamento con il territorio, domani il sindaco di Riccione incontrerà i dirigenti dei settori comunali e poi gli operatori economici riccionesi, associazioni e club di prodotto. 

“Quello che mi preme è organizzare la ripresa e la normalizzazione. Per farlo dobbiamo partire dalle esigenze dei nostri imprenditori per reagire e superare questo momento”, ha detto la sindaca Tosi.