Venerd́ 03 Luglio22:47:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

FOTO Funerali di Sergio Censi, motociclismo in lutto. Un grande "Signore"

Censi, ha rappresentato al meglio la sintesi della passione per il motociclismo

Attualità Savignano sul rubicone | 08:54 - 02 Marzo 2020 Funerale di Sergio Censi, nato nel 1936 a Savignano sul Rubicone. Foto Ballante Funerale di Sergio Censi, nato nel 1936 a Savignano sul Rubicone. Foto Ballante.

Anche se in questi giorni, a causa della circolazione del Corona Virus, la gente evita posti affollati sia al chiuso che all'aperto, tantissimi parenti e amici, provenienti anche da lontano, non hanno voluto mancare all'ultimo saluto a Sergio Censi, di Savignano Sul Rubicone, spentosi martedì scorso, al Bufalini di Cesena, all'età di quasi 84 anni (li avrebbe compiuti  il 2 marzo). 
Sergio Censi è stato Direttore di Gara della Federazione Motociclistica Italiana, fino a pochi anni fa, soprattutto nelle competizioni delle Minimoto, dove tanti piloti, attualmente anche nella MotoGP, hanno iniziato il loro percorso prima di diventare dei grandi e famosi piloti anche vincendo molti campionati mondiali (vedi Dovizioso, Rossi, Melandri, Simoncelli, Pasini, ecc).
Inoltre, è stato uno dei soci fondatori e Presidente per oltre 50 anni del Moto Club Edgardo Cecchi di Savignano Sul Rubicone, Per questo motivo, tre anni fa, il Comitato Territoriale del Coni, ha voluto premiare Sergio Censi con la "Stella al Merito Sportivo".
Sergio era una persona buona, comprensiva e sempre disponibile per i piloti e per i loro famigliari, visto che i piloti che gareggiavano, erano quasi tutti bambini.  La dimostrazione di oltre duecentocinquanta presenti ai suoi funerali, è stata la testimonianza del bene, dell'amicizia e del rispetto che era instaurato col loro Direttore di Gara.
Sergio Censi lascia la moglie Loredana, il figlio Gianluca, e le figlie Giorgia e Giada, nonchè i generi Giorgio e Cesare ed i cinque nipoti.
La funzione funebre, vista la grande partecipazione, è stata officiata all'esterno della Chiesa del cimitero di Savignano.  Ai piedi della bara, facevano da cornice alcune minimoto, portate dalla famiglia Zocchi, gestori della pista di Minimoto dii San Mauro Mare, usate dai piloti, tra cui quella col 34, usata a suo tempo da Marco Simoncelli. 
Tra i presenti, abbiamo notato anche il Presidente attuale della Federazione Motociclistica Italian, Avv. Giovanni Copioli, Gli ex piloti Luca Pasini (papà di Mattia) e Roccoli, tanti ex colleghi, anch'essi direttori di gara, e  non è voluto mancare Paolo Simoncelli, il quale, dopo una commovente lettera  letta con voce rotta dall'emozione dalla figlia Giorgia, ha voluto porgere il suo saluto e ringraziamento a Sergio per quanto ha fatto per il figlio Marco e per i consigli dati anche a lui.
Non sono mancati neanche Marco  Pellegrini, Esclusivista Regionale Emilia Romagna del concorso  Miss Italia e tutto il suo staff, in quanto la signora Loredana, moglie di Sergio, collabora come selezionatrice e coreografa durante le tappe delle selezioni nelle varie località. Ciao Sergio, R.I.P.

Amato Ballante