Mercoledý 01 Aprile11:03:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus, diretta testuale della conferenza con gli aggiornamenti dalla regione

Sei contagiati nel riminese: il 71enne ristoratore e cinque persone che hanno avuto contatto con lui

Attualità Rimini | 15:30 - 27 Febbraio 2020 L'assessore alla sanità Venturi in conferenza stampa L'assessore alla sanità Venturi in conferenza stampa.

Gli aggiornamenti sui casi di Coronavirus nella conferenza stampa dell'assessore regionale alla sanità Sergio Venturi. Secondo quanto raccolto dalla nostra collega di Radio Bruno, Micaela Romagnoli, tra i sei contagiati riminesi c'è anche l'88enne sammarinese

La situazione alle 11 di questa mattina. "Un incremento significativo che ci aspettavamo, in gran parte, perché abbiamo spinto il piede sull'acceleratore dei tamponi. Ne abbiamo eseguiti più di mille. Sono arrivati tanti referti, prevalentemente da Piacenza e quindi siamo passati da 47 a 97 contagi, 50 casi positivi in più. Cinquantaquattro persone su 97 sono a casa. Per oltre la metà dei casi positivi l'ambiente di cura è la propria abitazione. Il che tranquillizza molto da una parte, perché attualmente è una malattia che per più della metà delle persone passa con il riposo".

Sui tamponi: "Non c'è più ragione di fare il tampone solo per il contatto con persone positive. La persona che ha avuto contatto con contagiati viene messa in quarantena quattordici giorni e solo se diventa sintomatica si fa il tampone. Questa è un'indicazione che abbiamo già dato ai direttori generali dell'Ausl ieri sera. Tutte le polmoniti le affrontiamo con tac del torace e tampone. Solo in un caso c'è stata positività al coronavirus" (è il caso del 71enne cattolichino).

I contagiati del riminese (sei): "Tutti contatti con il ristoratore, o dipendenti o avventori. E' in corso l'indagine epidemiologica e l'indagine dei Carabinieri che stanno verificando in un luogo accanto al ristorante (una struttura ricettiva) se nell'ultimo mese ci siano stati cittadini che venivano da Codogno" (come confermato dalla Prefettura di Rimini).

Questione scuola: "Domani la nuova giunta farà le sue considerazioni e le valuterà con i sindaci dei capoluoghi di Provincia. Ci stiamo rendendo conto che non siamo di fronte a una situazione che al momento, sulla qualità della malattia, possa destare preoccupazione. Io sono il primo ad auspicare un allentamento delle condizioni, per dare un segnale ai cittadini e alle famiglie". E' quindi possibile una riapertura delle scuole a partire da lunedì 2 marzo. Venturi fa riferimento, usando il termine allentamento, all'ordinanza regionale di domenica 23 febbraio che tra i provvedimenti disponeva la chiusura delle scuole in tutto il territorio regionale. Si valuterà quindi il rinnovo dell'ordinanza, la sua modifica oppure se tornare completamente alla situazione pre ordinanza (non solo per ciò che concerne la scuola).

Controlli sulle persone in quarantena: "Nel momento in cui c'è l'isolamento a domicilio o una quarantena, è opportuno verificare che sia rispettata. La persona in isolamento o quarantena deve rimanere in casa per tutte le 24 ore" . Controlli affidati ai Carabinieri del Nas.

Le persone ricoverate in ospedale. "Non ci sono aggravamenti, abbiamo avuto il decesso di un paziente di Lodi nei giorni scorsi e abbiamo persone ricoverate, 6 in terapia intensiva, tutti gli altri nel reparto infettivi".

Su un possibile focolaio: "Al momento non ci sono elementi perché sia possibile parlare di un focolaio autonomo, autoctono in Emilia Romagna. E non ci sono zone rosse".