Venerdì 14 Agosto17:08:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Circa 400 persone a festeggiare il carnevale con l'associazione Davide Pacassoni

La realtà associativa marignanese ha organizzato l'appuntamento al Dancing Modà di Gradara

Attualità San Giovanni in Marignano | 12:57 - 22 Febbraio 2020 La festa di carnevale dell'associazione Davide Pacassoni La festa di carnevale dell'associazione Davide Pacassoni.

Giovedì 20 Febbraio i ragazzi e i volontari dell’associazione Davide Pacassoni hanno organizzato, come da tradizione, la festa di Carnevale.

Circa 400 persone si sono incontrate al ristorante pizzeria Dancing Modà di Gradara, dimostrando come il continuo lavoro di rete sul territorio sia efficace e ripagato in termini di riconoscimento e vicinanza.

Numerose le realtà associative presenti, realtà legate a progetti e strette collaborazioni attive tutto l’anno per dare risposte ai bambini e ragazzi con disabilità e alle loro famiglie.

Presenti tanti cittadini provenienti da tutta la provincia di Rimini, ma anche da Pesaro e Gradara, insegnanti delle scuole insieme agli alunni e alle loro famiglie e dipendenti del Comune di San Giovanni.

I presenti hanno condiviso momenti di riflessione, legati agli interventi di Anna Pedoni,  presidente dell’associazione Davide Pacassoni, del sindaco Daniele Morelli e dall’assessore ai servizi sociali Michela Bertuccioli. La serata è poi proseguita entrando nel pieno divertimento con la Sartori Band.
 
E’ una festa precisa il presidente Anna Pedoni - che ha al suo cuore l’intento di creare e rafforzare una rete di sensibilità. Per i ragazzi e le loro famiglie sono occasioni per uscire e condividere divertimento, per tutti noi sono momenti preziosi per conoscere e capire come poter essere utili a chi troppo spesso ancora vive troppo solo e nel silenzio delle sue difficoltà”.

Siamo orgogliosi di essere parte di questa meravigliosa realtà – commenta l’amministrazione comunale di San Giovanni - Tanta ammirazione e riconoscenza verso tutte le persone che ogni giorno si impegnano con passione e amore. Il loro è un “bene” doppio, essendo essi vicini a chi ha bisogno ed incarnando anche  un grande esempio per tutta la Comunità. Proprio per questo siamo felici di constatare ogni anno un aumento importante di partecipazione e sensibilità”.