Giovedì 09 Luglio23:15:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coriano, contributi statali per chi amplia il proprio negozio o lo riapre. Domande entro il 28 febbraio

Il sindaco Spinelli: "ho attivato gli uffici ed il resto della giunta alla ricerca di nuovi incentivi alle attività in difficoltà"

Attualità Coriano | 12:45 - 18 Febbraio 2020 Le domande per i contributi devono essere presentate entro il 28 febbraio Le domande per i contributi devono essere presentate entro il 28 febbraio.


L'amministrazione comunale di Coriano ricorda ai cittadini l'entrata in vigore della normativa ex art.30-ter del Decreto Crescita : con l’ampliamento di esercizi commerciali esistenti o la riapertura di esercizi chiusi da almeno sei mesi, gli esercenti potranno ottenere l’erogazione di un contributo, finanziato dallo stato, calcolato in base ai tributi comunali dovuti e regolarmente versati nell’anno precedente a quello in cui viene presentata la richiesta di accesso al beneficio. Possono fruire delle agevolazioni previste dalla norma, le attività appartenenti ai seguenti settori: artigianato, turismo e commercio al dettaglio.

Sono invece esclusi:i subentri, a qualsiasi titolo, in attività già esistenti; Le riaperture, conseguenti a cessione di un’attività preesistente, da parte del medesimo soggetto, o comunque di un soggetto, anche costituito in forma societaria, che sia ad esso direttamente o indirettamente riconducibile; Le aperture di nuove attività; Le attività di compro oro. 

La richiesta di contributo deve essere presentata entro, e non oltre il 28 febbraio di ogni anno, all’Ufficio Tributi del Comune di Coriano.

Domenica Spinelli (sindaco di Coriano): “In qualità di sindaco e assessore alle attività economiche ho attivato gli uffici ed il resto della giunta alla ricerca di nuovi ed ulteriori incentivi alle attività in difficoltà del territorio. Stiamo valutando gli strumenti più idonei che possano essere messi in campo dall’amministrazione comunale per aiutare le attività che per il persistere della crisi si trovano in particolare disagio.”