Sabato 04 Aprile16:51:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sfruttamento di lavoratori per consegna volantini, 12 ore di lavoro controllati col Gps

Sei cittadini pakistani sono stati denunciati per caporalato, almeno 70 lavoratori sfruttati per 30 euro al giorno in nero

Cronaca Rimini | 06:58 - 18 Febbraio 2020 Volantini pubblicitari Volantini pubblicitari.

Con furgoni fatiscenti ed insicuri venivano caricati, portati in provincia di Pesaro Urbino, Ancona e Rimini a lavorare per la consegna di materiale pubblicitario porta a porta. I carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Pesaro hanno denunciato a piede libero per caporalato sei pakistani. Avrebbero evaso le tasse per almeno 400 mila euro ai danni di almeno 70 lavoratori, irregolari, che accettavano di tutto pur di lavorare, anche paghe da 30 euro al giorno per 12 ore di lavoro. I denunciati avevano costituito 7 ditte individuali (o società) tutte riconducibili a cittadini pakistani che impiegavano manodopera completamente irregolare. Tutti erano costretti a lavorare in condizioni indecorose e sotto continua sorveglianza, erano 'affidati' al controllo di un capo squadra, venivano monitorati tramite sistemi Gps, violando ripetutamente la normativa in materia di orario di lavoro e riposo. Il tutto ricevendo una misera retribuzione di 30 euro al giorno, rigorosamente in nero. I lavoratori vivevano in luoghi angusti, non conformi, spesso senza acqua corrente né riscaldamento. I sei stranieri sono stati denunciati per il reato di "intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro".