Luned́ 19 Ottobre18:17:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sono 1400 gli atleti in vasca a Riccione per i campionati di Lifesaving

Le gare sono programmate per tutti i 5 giorni su nove turni, in prove singole e staffette a serie, con classifiche a tempo

Sport Riccione | 14:20 - 14 Febbraio 2020 Allo stadio del nuoto di Riccione il Campionato Italiano invernale Lifesaving Allo stadio del nuoto di Riccione il Campionato Italiano invernale Lifesaving.

Riccione continua ad essere punto di riferimento per le gare federali di nuoto ed è diventata ormai capitale internazionale del Lifesaving. Dopo gli Europei andati in scena dal 17 al 30 settembre 2019 e prima dei Mondiali che si svolgeranno a Riccione dal 14 settembre al 3 ottobre 2020, tutto il movimento del Nuoto per Salvamento italiano è nella Perla Verde per il Campionato Italiano invernale Lifesaving.

Il settore Salvamento Agonistico FIN con la collaborazione della Polisportiva Riccione ha portato ben 1.400 atleti in gara nelle piscine dello Stadio del Nuoto, dai più piccoli Esordienti A e Ragazzi a Juniores, Cadetti e Senior, che si sfidano nelle avvincenti e spettacoli gare di questa disciplina fino a tutta domenica 16 febbraio.

Un pieno di atleti, giudici e accompagnatori che ancora una volta hanno scelto l’ospitalità di Riccione ormai consacrata terra di sport. Le gare sono programmate per tutti i 5 giorni su nove turni, in prove singole e staffette a serie, con classifiche a tempo. Le prove da superare per i Lifesaver italiani piccoli e grandi sono: nuoto con ostacoli, trasporto manichino, percorso misto, trasporto manichino con pinne, manichino con pinne e torpedo, super lifesaver, staffetta con ostacoli 4x50, staffetta manichino 4x25 e staffetta mista 4x50.

L’importanza di questa disciplina va oltre al semplice agonismo dice Giorgio Gori, vicepresidente della Polisportiva Riccione e presidente nazionale della Commissione Didattica FIN Settore Salvamento -. Divertendosi e contendendosi le medaglie nazionali, queste ragazze e questi ragazzi si stanno facendo le ossa per diventare veri Lifesaver, aprendosi una possibile strada lavorativa, ma soprattutto imparando come si salvano le vite in acqua. Solo due settimane fa, inoltre, tutto il mondo del Salvamento si è riunito proprio qui a Riccione al Convegno nazionale dei Coordinatori Salvamento FIN, organizzato con il contributo della Presidenza del Consiglio per la grande valenza dell’appuntamento formativo. Tre giornate importanti per aggiungere conoscenze sulla cultura dell’acqua, sulla sicurezza in acqua e sul rispetto ambientale. Aspettando di avere qui tutti i migliori atleti del mondo per la Lifesaving World Championship 2020 che vedrà ancora una volta Riccione protagonista”.