Mercoledý 15 Luglio06:29:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo, aumentano i prestiti di libri dalla biblioteca. Elena Ferrante la più richiesta

Cala invece la richiesta di materiali audiovisivi a causa delle nuove piattaforme come Netflix

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:28 - 11 Febbraio 2020 Esterno della biblioteca Baldini di Santarcangelo Esterno della biblioteca Baldini di Santarcangelo.

È un bilancio più che positivo quello dell’attività 2019 della biblioteca Baldini di Santarcangelo, che cresce soprattutto grazie ai prestiti di libri (+544), alle presenze per eventi organizzati (+126) e ai corsi di alfabetizzazione informatica di base (+84). Cresce anche il patrimonio librario e audiovisivo, con oltre 76mila materiali inventariati.

Con un totale di 47.318 prestiti complessivi, a fronte di un trend in forte calo per quel che riguarda i materiali audiovisivi (-2.409) – fenomeno prevedibile causato dalle nuove piattaforme e modalità di fruizione – prosegue invece quello in ascesa dei prestiti di materiali librari, che passano da 26.058 del 2018 a 27.052 del 2019. Elena Ferrante è l’autrice più richiesta, con tre libri sul podio 2019 (“Storia di chi fugge e di chi resta”, “L’amica geniale” e “Storia del nuovo cognome”) mentre i dvd film più prestati sono “La La Land”, “Il diritto di contare” e “L’era glaciale 5”. “Mortina: una storia che ti farà morire dal ridere” e “Diario di una schiappa: avanti tutta” si confermano invece i libri più apprezzati da ragazzi e bambini. Circa 60, invece, le consultazioni specialistiche ai fondi.

Questi prestiti attingono da un patrimonio custodito dalla Baldini che raggiunge quota 76.685 tra materiali librari e audiovisivi – di cui 2.861 inventariati nel corso dell’ultimo anno – e i fondi Antonio Baldini, Gioacchino Volpe, Maria Pascucci, Rina Macrelli, Santarcangelo dei Teatri e Archivio storico.

A segnare l’incremento più elevato tra le attività della Baldini sono i corsi di alfabetizzazione informatica: 156 le persone che hanno usufruito di questo servizio (+116,7%) per 129 incontri complessivi, a cui si aggiungono i 19 appuntamenti con il servizio “Ti insegno lo smartphone”.

Quanto agli utenti, crescono anche nel 2019 gli iscritti alla biblioteca (+458) e le presenze agli eventi promossi e ospitati dalla Baldini: 7.772 partecipanti (+330 rispetto al 2018) e 1.326 alunni in visita con le scuole (+430). In particolare, nel corso dell’anno appena concluso la biblioteca ha organizzato 107 fra eventi, incontri con gli autori, approfondimenti di storia, cultura e attualità che hanno fatto registrare 3.809 presenze complessive. Le visite scolastiche hanno invece coinvolto 659 alunni per 24 appuntamenti, a cui si aggiungono 471 alunni che hanno partecipato alle letture in occasione del Giorno della Memoria e 196 a quelle dedicate a Maria Pascucci.

Soddisfatto per gli ottimi risultati il direttore Pier Angelo Fontana, che riconosce un ruolo fondamentale a tutti i volontari: in particolare il Gruppo Amici Biblioteca Santarcangelo – che con il mercatino dei libri già letti ha raccolto oltre 2.191 euro per finanziare acquisti e iniziative della Baldini – e il gruppo Reciproci Racconti, che ha dedicato tempo e impegno alle attività e agli eventi della biblioteca.

Il bilancio positivo della Baldini conferma la sua capacità di essere punto di riferimento culturale di Santarcangelo e, allo stesso tempo, della sua abilità a stare al passo con i tempi - affermano il sindaco Alice Parma e il vicesindaco e assessore alla Cultura, Pamela Fussi -  “Nella nostra biblioteca la cultura e la conoscenza si declinano nel patrimonio librario, ma anche in quello che può essere considerato il suo complemento, ovvero le nuove tecnologie. L’aumento dei prestiti, contrario rispetto ai trend nazionali molto negativi, e la crescita di persone che si rivolgono alla Baldini per l’alfabetizzazione digitale, fondamentale per essere cittadini del nuovo millennio, segnano con evidenza la capacità della biblioteca di far convergere tutto ciò che riguarda cultura, educazione, crescita personale e sociale".

In questa dinamica già di per sé positiva – concludono sindaco e assessore – si inserisce anche un grande patrimonio libero, aperto e accessibile a tutti, grazie all’attività di valorizzazione e diffusione della conoscenza che svolge ogni giorno lo staff della biblioteca, a partire dal coinvolgimento delle scuole del territorio”.