Mercoledý 03 Giugno02:31:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il San Marino Green festival invade il Montefeltro: a maggio i primi passi in Valconca e Valmarecchia

L'ecofestival sanmarinese è in programma dal 26 al 28 giugno a Borgo Maggiore

Eventi Repubblica San Marino | 08:57 - 10 Febbraio 2020 Alcuni stand della prima edizione del Green festival della Repubblica Alcuni stand della prima edizione del Green festival della Repubblica.

Dopo aver superato l’esame della prima edizione a pieni voti, il San Marino Green Festival si sta attrezzando e mobilitando per la sua seconda edizione che avrà luogo a Borgo Maggiore da venerdì 26 a domenica 28 giugno.

Gabriele Geminiani, ideatore del festival, esordisce affermando che «il campanilismo va superato. San Marino può diventare un vero e proprio fulcro per le attività da e verso il territorio, Valconca e Valmarecchia in primis, a causa della sua particolare posizione geografica. In questa fase di prospezione sta emergendo un vero tesoro di informazioni storiche e antropologiche, fil rouge che uniscono Sassocorvaro con la sua rocca e il clan Sinclair in Scozia, Monte Cerignone e Umberto Eco, per fare solo alcuni esempi. Per non parlare dei tesori della civiltà Villanoviana di Verucchio e della poesia diffusa che permea Pennabilli, eredità viva di Tonino Guerra. Questi sono anche i quattro comuni coinvolti nel festival. Uno dei nostri scopi è proprio quello di creare un dialogo all’insegna di cultura e sostenibilità, fra la Repubblica e le realtà territoriali confinanti, offrendo a tutti un’occasione di scambio e di conoscenza. Il nuovo governo ha espressamente anticipato che si dovranno ricercare dialogo e sinergie con le comunità limitrofe, e in questo senso il festival è un autentico apripista».

L'edizione di quest'anno manterrà pressoché invariato l'impianto dello scorso anno: «Ci focalizzeremo su alcune tematiche importanti e urgenti, come la necessità di abbandonare progressivamente la plastica, soprattutto quella monouso, la lotta agli sprechi alimentari, l’agricoltura sostenibile, la finanza etica e infine il delicato problema della salvaguardia della biodiversità, cui saranno dedicate due proiezioni. Ma la vera novità starà nell’affrontare questi temi in una sorta di percorso a tappe insieme ai compagni di viaggio dei comuni di Verucchio, Monte Cerignone, Pennabilli e Sassocorvaro. Non sappiamo esattamente cosa nascerà da questo viaggio, sappiamo solo che finora le esperienze e le sinergie prodotte ci hanno divertiti e ci hanno arricchito moltissimo. Stiamo inoltre studiando una collaborazione con gli studenti e i docenti del Corso di Design Industriale. L’idea è di proporre un workshop che porti alla realizzazione di packaging e gadget sostenibili. Lo scopo principale è riuscire a creare delle cooperative di comunità in grado di offrire posti di lavoro attraverso l'utilizzo di risorse e materiali del territorio».

Poche, pochissime le anticipazioni su eventi o ospiti speciali: «Stiamo corteggiando l'ex presidente del Paraguay Pepe Mujica, e chissà che non accetti. Ci piacerebbe portare il neurobiologo vegetale Stefano Mancuso proponendogli un progetto a lui dedicato che ancora non sveleremo». Carlini