Domenica 25 Ottobre14:59:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Centinaia di cittadini richiamano il Comune di Bellaria alle proprie responsabilità sulla crisi climatica

In un documento una serie di proposte, come creare nuove case d'acqua e raccoglitori di bottlglie

Attualità Bellaria Igea Marina | 11:48 - 06 Febbraio 2020 Una colonnina dell'acqua (foto di repertorio) Una colonnina dell'acqua (foto di repertorio).

Un appello affinché il Comune di Bellaria-Igea Marina si impegni in modo strutturato e coordinato ad agire per contrastare la crisi climatica. È firmato da centinaia di cittadini ed è rivolto direttamente al sindaco, alla presidente e a tutto il consiglio comunale.

In sintonia con la dichiarazione di emergenza climatica da parte del consiglio Comunale, la sottoscrizione invita l'amministrazione comunale a diventare promotrice di ulteriori iniziative a protezione dell’ambiente e al contrasto ai cambiamenti climatici,come l'allestimento di nuove case dell’acqua e di "reverse wendig machine" (distributori automatici che restituiscono buoni-spesa a chi differenzia correttamente bottiglie in vetro o plastica e lattine), la vendita alla spina di detersivi, la sostituzione delle stoviglie “usa e getta” nelle feste e nelle sagre con stoviglie lavabili e riutilizzabili, il conferimento di premi a bar e ristoranti che non usano la plastica monouso, l'istituzione di un centro comunale del riuso.

L’appello è finalizzato a ridurre il consumo di plastica,la dispersione dei rifiuti nell’ambiente,a incentivare l’economia circolare nonché a contribuire al decoro urbano, così come dimostrano i risultati ottenuti da quelle Amministrazioni,che hanno posto in atto, insieme ai propri cittadini, le pratiche virtuose sopra descritte.

L'appello è sostenuto anche dalle associazioni locali Legambiente sezione “Stefano Campana”, circolo Diportisti, e Oink Diving.