Giovedý 20 Febbraio14:37:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Centro commerciale di Misano, anche le associazioni ambientaliste plaudono la bocciatura

Le cinque associazioni avevano ravvisato rischi ambientali, soprattutto per la tenuta dei terreni

Attualità Misano Adriatico | 07:13 - 06 Febbraio 2020 Foto generica Foto generica.

Le associazioni ambientaliste plaudono apertamente alla bocciatura espressa in questi giorni dalla Provincia di Rimini alla realizzazione del nuovo polo commerciale  a Misano Adriatico in area Bandieri, tra la Statale 16 e la ferrovia. A firmare la nota congiunta sono Ambiente & Salute Riccione, fondazione Cetacea, Legambiente Valmarecchia, Rigas acquisti solidali Rimini e Wwf Rimini.

«Un progetto che non avrebbe giovato all’economia del territorio e rischiato di compromettere il fragile equilibrio ambientale di quell’area. Avevamo ufficialmente chiesto ai vari enti, Arpae in testa, di indagare i rischi sul fronte del consumo dei suoli, della sostenibilità ambientale e soprattutto degli effetti negativi in termini di impermeabilizzazione dei terreni coinvolti. E apprendiamo con estremo piacere che proprio questi aspetti d'impatto idrogeologico  sono stati determinanti per la  bocciatura del progetto».

Anche in vista di nuove edificazioni previste nell'area costiera della Perla Verde ribadiscono poi che «i terreni urbani svolgono funzioni ecologiche essenziali come garantire la permeabilità, il contrasto al riscaldamento globale, la capacità di catturare la CO2, il mantenimento della biodiversità. Siamo estremamente soddisfatti nel prendere atto che perseguire modelli di sviluppo stile anni Cinquanta, basati essenzialmente su una politica di colonizzazione del territorio, venga poi a scontrarsi con aspetti di sicurezza idrogeologica non più ignorabili».

Anche la salvaguardia dell'aspetto paesaggistico e ambientale legato alla presenza di area boschiva vincolata nell'area che avrebbe dovuto ospitare il nuovo polo commerciale «è per noi una grande vittoria, poiché va ad evidenziare che la tutela delle aree verdi può essere effettuata senza colossi di cemento affianco».