Giovedý 20 Febbraio12:26:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Confesercenti Rimini: bene la bocciatura dell'area commerciale "Bandieri" di Misano

Fabrizio Vagnini, "Ora serve una moratoria per rivalutare tutte le pianificazioni"

Attualità Misano Adriatico | 14:46 - 05 Febbraio 2020 Nel riquadro Fabrizio Vagnini, presidente Confesercenti Rimini Nel riquadro Fabrizio Vagnini, presidente Confesercenti Rimini.

Bene il no della Provincia all’accordo di programma per l’area commerciale “Bandieri” di Misano Adriatico, ora avanti con una moratoria regionale di almeno tre anni per ripensare tutte le previsioni di nuovi insediamenti. Fabrizio Vagnini, presidente provinciale di Confesercenti Rimini, non nasconde la propria soddisfazione per il responso dell’ente su una pianificazione sin dall’inizio duramente criticata dall’associazione, viste le dimensioni e i potenziali effetti sul tessuto commerciale locale.
Al presidente della Provincia Riziero Santi va il nostro plauso – esordisce Vagnini -. Speriamo che questa decisione rappresenti un modello per un ripensamento complessivo delle previsioni in essere, anche a livello regionale. A questo proposito chiediamo una moratoria di almeno 3 anni per rivalutare tutte le pianificazioni commerciali e i loro effetti su un comparto che è già in grande sofferenza. Quella della Provincia è stata una scelta coraggiosa che auspichiamo possa aprire la strada ad azioni forti”.
Vagnini pensa al Codice unico del commercio e agli Stati generali del commercio annunciati dalla Regione Emilia-Romagna. “Ci aspettiamo che la messa a sistema delle norme regionali in materia porti, come promesso, alla regolamentazione puntuale di fenomeni come gli outlet per rendere gli esercizi commerciali tradizionali più competitivi”.
Il presidente di Confesercenti avanza anche una proposta sulle risorse per il commercio. “Mi auguro che vada avanti il percorso di autonomia regionale proposta dal presidente Bonaccini, basata sul bilancio storico dell’Emilia-Romagna. Ne deriverebbero importanti risorse che potrebbero essere investite a favore delle attività commerciali. Il comparto è ancora in sofferenza e occorre una sterzata forte per evitare che in pochi anni i centri storici, i borghi, ma anche i lungomare delle nostre città restino con le serrande abbassate”.
Ora la bocciatura dell’area “Bandieri” non deve pregiudicare gli interventi necessari sulla viabilità di Misano, conclude Vagnini. “Non ci dimentichiamo che il sottopasso è un’infrastruttura necessaria per l’intero territorio, fondamentale per il turismo e per il World circuit. Come associazione continueremo a sostenere, in ogni tavolo di confronto a livello locale e regionale, il miglioramento della viabilità”.