Mercoledý 21 Ottobre17:31:38
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Giorno del Ricordo: a Santarcangelo la mostra "Fascismo, foibe, esodo. Una tragedia del confine orientale"

Alle ore 11 di lunedì 10 febbraio in biblioteca prevista anche la deposizione di una corona d’alloro

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:06 - 05 Febbraio 2020 Le iniziative del giorno del ricordo a Santarcangelo Le iniziative del giorno del ricordo a Santarcangelo.

Il 10 febbraio è il Giorno del Ricordo, istituito dalla Repubblica italiana con la legge n. 92 del 30 marzo 2004 per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani nell'esodo giuliano-dalmata, delle vittime delle foibe e delle vicende storiche del confine orientale. In occasione della ricorrenza, anche quest’anno l’Amministrazione comunale di Santarcangelo organizza un momento di riflessione aperto alla cittadinanza in collaborazione con istituti culturali, associazioni del territorio e scuole.

Lunedì 10 febbraio alle ore 11 in biblioteca Baldini inaugura infatti la mostra “Fascismo, foibe, esodo. Una tragedia del confine orientale”, realizzata da Aned (Associazione Nazionale Ex Deportati) e Fondazione Memoria della Deportazione con il patrocinio della Presidenza del Consiglio regionale della Lombardia.

In apertura dell’inaugurazione – alla quale sono stati invitati anche gli studenti dell’Itse Rino Molari – il sindaco Alice Parma deporrà una corona d’alloro alla targa dedicata alle vicende del confine orientale, chiedendo ai presenti di osservare un minuto di raccoglimento. Nei giorni precedenti e successivi la ricorrenza, inoltre, la biblioteca Baldini proporrà la consueta selezione di libri per approfondire questa pagina buia della storia italiana.

Le iniziative per il Giorno del Ricordo sono organizzate dall'Amministrazione comunale con il coordinamento del Comitato cittadino antifascista, tavolo di lavoro presieduto dal sindaco che riunisce Comune, Anpi e associazioni combattentistiche del territorio, istituti culturali, enti pubblici, scuole e forze politiche locali.