Mercoledý 21 Ottobre18:12:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Quattro studenti del liceo Serpieri di Rimini premiati a Torino dal sindaco Appendino

Hanno presentato un video a un concorso nazionale sulle vittime civili nelle guerre di ieri e oggi

Attualità Rimini | 13:00 - 04 Febbraio 2020 I quattro studenti del liceo Serpieri premiati a Torino I quattro studenti del liceo Serpieri premiati a Torino.

Un gruppo di studenti del Liceo scientifico Serpieri di Rimini è stato premiato a Torino questa mattina (martedì 4 febbraio) dal Ministro dell’istruzione Lucia Azzolina e dal sindaco di Torino Chiara Appendino. Si tratta di Virginia Canducci, Luca Vulpinari, Igor Angelo Paone, Carlotta Rinaldi accompagnati dall’insegnante Paola Affronte.

I quattro studenti hanno partecipato alla terza edizione del concorso nazionale indetto dall’Associazione nazionale vittime civili di guerra onlus (Anvcg) in collaborazione con il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (Miur) dal titolo: “Tante guerre, un’unica vittima: la popolazione civile”.
 
Gli studenti hanno partecipato al concorso nella sezione video presentando un lavoro dal titolo: “Voci inascoltate della storia. Le vittime civili nelle guerre di ieri e di oggi”.
 
Nel video hanno intervistato Franco Leoni, sopravvissuto alla strage di Marzabotto, e due giovani soci dell’associazione Agevolando: Najam e Aman, entrambi giunti in Italia (il primo dal Pakistan e il secondo dall’Afghanistan) dopo lunghi e drammatici viaggi.
 
Obiettivo del video mettere a confronto le vittime civili dei conflitti di ieri e di oggi mostrando come la guerrasia un fenomeno senza confini, che rende vittime tutte le popolazioni che la subiscono, oltre il tempo e lo spazio. Il lavoro ha voluto inoltre valorizzare il ruolo dei testimoni come fonti orali della storia e il loro impegno educativo nei confronti delle nuove generazioni e promuovere i valori della memoria, del perdono e della pace.
 
Il video è stato realizzato anche grazie al supporto di Croce Rossa Italiana – Comitato di Rimini e associazione Sergio Zavatta in particolare del Centro giovani RM25 che hanno messo a disposizione i loro spazi per le riprese.
 
È stato premiato con una “menzione speciale” in occasione della cerimonia che si è svolta all’Arsenale della Pace di Torino in concomitanza Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo” che si celebra il 1 febbraio. L’Arsenale della Pace è una fabbrica di armi che, per intuizione di Ernesto Olivero, fondatore del Sermig, è stato trasformato in un luogo di integrazione, assistenza, solidarietà e promozione della cultura della pace.
 
Premiata anche un’altra scuola riminese, la Enrico Fermi.