Lunedì 25 Maggio05:01:00
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Stop agli hater del web: Poggio Torriana e Verucchio dicono sì alla comunicazione 'non ostile'

L'amministrazione comunale organizzerà incontri aperti alla cittadinanza per sensibilizzare sul tema

Attualità Poggio Torriana | 13:19 - 30 Gennaio 2020 Anche Poggio Torriana e Verucchio aderiscono al Manifesto della comunicazione non ostile Anche Poggio Torriana e Verucchio aderiscono al Manifesto della comunicazione non ostile.

Anche Poggio Torriana ha firmato il “Manifesto della comunicazione non ostile”. Attraverso una delibera di giunta, il comune riminese ha aderito al progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza sulle parole promosso dall'associazione Parole Ostili e dall'Anci, per responsabilizzare gli utenti a prediligere un uso del linguaggio più civile. L'amministrazione comunale in particolare si assume l’impegno di osservare, promuovere e diffondere i dieci principi del Manifesto finalizzati al contrasto della violenza verbale sul web, in particolare attraverso incontri aperti alla cittadinanza.

Il Manifesto della comunicazione non ostile è un decalogo che declina dieci principi e un progetto di sensibilizzazione contro la violenza delle parole, nato nel 2017 da un’idea di Rosy Russo (Presidente dell’Associazione Parole O_Stili) insieme a 300 professionisti, uniti dalla volontà di rendere la rete un luogo meno violento. Tradotto in 30 lingue e declinato in 6 ambiti – politica, pubblica amministrazione, sport, educazione, aziende e scienza  ha ricevuto due medaglie del Presidente della Repubblica e vinto diversi premi.

L'assessore alle pari opportunità del comune di Poggio Torriana, Francesca Macchitella, commenta: “Sono sempre più frequenti i casi di incitamento all’odio nel web; grazie all’avvocato e attivista Cathy La Torre , il video pubblicato su Facebook che riprendeva Matteo Salvini citofonare ad un minorenne chiedendogli se fosse uno spacciatore, è stato rimosso. In occasione della giornata dell’8 Marzo il Comune di Poggio Torriana organizzerà un incontro dal titolo 'Hate speech' per sensibilizzare il tema della comunicazione violenta rivolta verso le donne.”

Anche Verucchio aderisce al progetto

Nella seduta di giunta di mercoledì, il Comune di Verucchio ha deliberato l’adesione al Manifesto della comunicazione non ostile elaborato dall'Associazione Parole Ostili con l’obiettivo di “ridefinire lo stile con cui si sta sul web” e di “responsabilizzare gli utenti a scegliere con cura le parole, partendo dal presupposto che in particolare i social network, pur essendo luoghi virtuali, non sono un porto franco, ma il centro in cui si incontrano persone reali”.

La gentilezza di pensiero, azione e parola è uno dei capisaldi della nostra amministrazione. E mi piace ricordare in questa occasione l’invito alla responsabilità rivolto nel discorso di fine anno dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, oltre all’invito rivolto da Anci a tutti i Comuni”, commenta il sindaco Stefania Sabba, impegnandosi insieme all’intera amministrazione “a dare attuazione al manifesto in tutte le attività e in tutti i canali di comunicazione non solo online ma anche off line e a divulgarne il contenuto sul territorio, consapevole della necessità di riportare a un uso corretto del significato delle parole per lo sviluppo di una comunità educante