Venerd́ 03 Luglio22:38:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini Calcio, contro il Carpi si cambia: difesa a quattro. Obiettivo minimo: muovere la classifica

In difesa certo il debutto di Codromaz. Mister Colella: 'Cerchiamo un risultato che ci dia morale"

Sport Rimini | 13:34 - 01 Febbraio 2020 Giovanni Colella in conferenza stampa alla vigilia di Rimini Carpi Giovanni Colella in conferenza stampa alla vigilia di Rimini Carpi.


Dopo lo scivolone interno col Vicenza (1-3), il Rimini è ancora di scena al Romeo Neri contro il Carpi (ore 15), altra big del girone (terzo posto con 46 punti). Un match a cui il tecnico, a cui la società in settimana ha riconfermato la fiducia nonostante le sette sconfitte in otto partite, chiede almeno un punto.
“Mi sono messo in discussione dopo Vicenza e ho chiesto alla società un confronto per vedere se eravamo ancora sintonizzati sulla stessa lunghezza d'onda – dice il tecnico biancorosso - siamo del tutto in linea e dunque avanti. Col Carpi ci serve a tutti i costi un risultato positivo, oltre che per la classifica, per il morale: vorrebbe dire affrontare la settimana in maniera migliore”. E che settimana – aggiungiamo noi – visto che si va a Gubbio per il primo di una lunga serie di match salvezza.

Nel Rimini non ci saranno Arlotti e Messina infortunati, Candido e lo squalificato Remedi. La difesa passerà a quattro, il centrocampo dovrebbe essere a tre con due trequartisti e una punta (o viceversa). I nuovi dovrebbero essere tuytti disponibili e qualcuno sarà in campo (Codromaz sicuro, forse Calamai).

“La squadra fisicamente sta bene, chi è arrivato dopo è cresciuto Psicologicamente? Non possiamo stare bene, è ovvio. Ma dobbiamo pensare a fare punti contro tutte le avversarie e trovare un barlume di mentalità positiva” dice Colella. Il quale si ritrova una rosa molto cambiata dal suo arrivo. “Abbiamo scelto così per giocarci al meglio le speranze di salvezza che altrimenti sarebbe stata ancora più complicata. Dobbiamo andare a testa bassa. Lavorare in queste condizioni è diverso che lavorare dall’inizio dell’anno, didattica è diversa perché non c’è tempo. Abbiamo ridotto i tempi sperando siano ridotti anche i tempi di assimilazione”.
Tornando al Vicenza, nel primo tempo cosa non ha funzionato? "Sono rimasto deluso da un paio di situazioni in fase difensiva, sulla sinistra. Riguardando i primi venti minuti era una gara equilibrata, senza nessuno scompenso. Poi su alcune banalità è saltato tutto. Proprio perché sono banalità forse è lecito chiedersi: forse sono stato io a spiegarmi male".
Riguardo ai nuovi acquisti il tecnico biancorosso spiega. “Ortolini è un attaccante che sa fare reparto da solo, è un giocatore che ha fatto tanta gavetta. Alzerà il livello della concorrenza. Calamai è un giocatore completo, una mezzala che sa inserirsi, calcia bene, molto intelligente anche dal punto di vista tattico. Codromaz è il classico difensore centrale roccioso, fisico, cattivo. Il reparto ha la giusta personalità”.

Sul portiere Meli afferma: “Mi ha colpito nella condizione ambientale di domenica, che non era facile, la sua reazione dopo l'infortunio sul gol. Ha mostrato maturità. L'ho visto ancora più convinto. I giocatori bravi non sono quelli che non sbagliano mai, ma quelli che sanno reagire all’errore che ci sta".
QUI CARPI Indisponibili Lomolino e Pellegrini, rispetto all'ultima partita rientrano Vano, Saric, Jelenic e Maurizi.