Domenica 25 Ottobre21:09:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini ecco le sale da gioco e scommesse a rischio chiusura, sono 20 dislocate sul territorio

È consultabile on line l’elenco delle 24 sale gioco, che si trovano a meno di cinquecento metri dai luoghi sensibili

Attualità Rimini | 11:56 - 28 Gennaio 2020 Una sala scommesse in una foto di repertorio Una sala scommesse in una foto di repertorio.

Sono 20 le attività dislocate sul territorio a cui è stato comunicato formalmente l’obbligo di trasferire la propria sede in ottemperanza alle direttive della Regione in materia di prevenzione e contrasto al gioco d’azzardo patologico. L’avvio delle comunicazioni fa seguito all’aggiornamento della mappatura dei luoghi sensibili recentemente approvata dalla Giunta comunale e che individua le aree di rispetto entro nelle quali non è possibile la presenza di sale gioco o di corner con apparecchi per il gioco d'azzardo. Queste attività non possono funzionare a meno di 500 metri dai luoghi sensibili, come gli istituti scolastici di ogni genere e grado, luoghi di culto, impianti sportivi, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o sociosanitario, strutture ricettive per categorie protette, luoghi di aggregazione giovanile e oratori. 
L’ufficio attività economiche in questi giorni ha provveduto a comunicare ufficialmente l’obbligo di delocalizzazione a venti esercizi con attività esclusiva per la raccolta di scommesse (autorizzate in base all’art. 88 T.u.l.p.s.). Dopo la notifica della comunicazione, le attività avranno sei mesi di tempo per trasferire il proprio esercizio in una zona che rispetti i criteri previsti dalla normativa regionale (e quindi distanti non meno di 500 metri dai luoghi sensibili). In caso di mancata cessazione dell'attività nel termine indicato, scatterà il provvedimento di chiusura dell'esercizio. I titolari dell’esercizio potranno invece beneficiare di una proroga di sei mesi se dimostreranno con atti formali e pratiche ufficiali (contratti di affitto, pratiche edilizie, ecc.), di aver avviato un percorso per il trasferimento dell’attività.  

QUI la mappatura dei luoghi sensibili e delle aree di divieto.